Il Santuario del Perello e il mistero della “visitazione” di Maria

Il Santuario del Perello è un luogo di pace e di silenzio, è situato in provincia di Bergamo ed è immerso in mezzo alle montagne e ai boschi. Il santuario in realtà, prende il nome del monte Perello.

Il 2 luglio ricorre la festa della Madonna del Perello, proprio perché il 2 luglio del 1413 accadde un fatto straordinario: un contadino di nome Ruggero si era recato in quella zona (dove oggi è sorto il santuario) per falciare un po’ di erba da dare ai suoi animali.

Mentre era intendo a falciare, gli apparve una signora meravigliosa. Ruggero restò stupìto da quella bellezza maestosa, tantè (come dicono le cronache) il contadino non riuscì a muoversi, nemmeno a togliere il cappello in segno di rispetto.

La signora di fronte all’immobilità del contadino … sparisce.

I giorni successivi, il contadino ritornò a falciare il fieno ed apparve nuovamente la signora.  Quando lui la vide per la seconda volta, non solo si tolse il cappello ma si mise in ginocchio ed in quel caso la signora parlò e gli disse “Sono la Vergine Maria e ti chiedo di andare dai tuoi compaesani perché vengano qui a costruire un santuario dedicato alla visitazione”.

Il contadino rimase stupìto, dubbioso e impaurito. Temeva di non essere creduto dai suoi compaesani. Infatti lo presero per matto.

Per la terza volta il contadino vide la Madonna e gli disse che nonostante i suoi compaesani l’avessero preso in giro, doveva annunciare loro di recarsi in quel luogo perché ci sarebbe stato un segno.

Il contadino si recò per la quarta volta e avvenne la quarta apparizione. Era insieme ad alcune persone del paese che avevano deciso di dare un minimo di credito a ciò che diceva, mentre Ruggero vide la Madonna, Maria gli indicò un ramo di faggio secco e dal quel ramo secco, davanti agli occhi stupiti della gente, fece spuntare un ramoscello di ulivo vivo.

Leggi di più:  Dove trovare consolazione? Una perla tratta da “L’imitazione di Cristo”

Questo prodigio è stato incapsulato in un altare, il ramo di faggio secco da cui è spuntato l’ulivo è visibile.

Il frutto di ulivo è simbolico, è il simbolo della pace ma ha anche un altro significato molto più profondo, non a caso la Madonna ha scelto che si costruisse un santuario dedicato alla “visitazione”.

Se ci pensiamo infatti, il Vangelo racconta che Maria appena ha ricevuto il messaggio dell’angelo Gabriele, il quale le annunciava che sarebbe diventata la Mamma di Gesù, parte in fretta per andare in mezzo alle montagne verso la città di Giuda e raggiunge Elisabetta e suo marito Zaccaria.

Quello era un luogo in mezzo alle montagne e non a caso i santuari della visitazione sono situati tutti tra le montagne ma le apparizioni in cui Maria indica la visitazione come il momento a cui bisogna riferirsi … sono poche.

L’angelo disse a Maria che sua cugina Elisabetta nonostante la tarda età e nonostante tutti dicevano che era sterile, in realtà aspettava un bambino. Maria và dalla cugina per vedere quello che l’angelo le aveva detto. In mezzo alle montagne si va come Maria per vedere un segno o il segno dell’opera di Dio nella nostra vita.

Il Santuario del Perello è uno di quei luoghi dove in mezzo al silenzio delle montagne, Maria parla al cuore dei suoi figli per annunciare le opere straordinarie di Dio.

Rita Sberna