L’angelismo e i suoi pericoli

Bisogna stare attenti alla spiritualità che non ha nulla a che vedere con la dottrina degli angeli.

Il termine angelismo si riferisce ad una condotta spirituale e morale, ad una dottrina teologica che falsa le autentiche prospettive dell’ascetismo cristiano.

L’angelismo è una falsa spiritualità.

L’Anghelosophia è la strada giusta

L’obiettivo dell’anghelosophia è scoprire e far ritornare al loro leggittimo corso le correnti confuse della morale e della spiritualità cristiana.

L’anghelosophia si differenza dalla tradizionale angelologia in quanto in questa disciplina si fondono più aree umanistiche per acconsentire una più profonda lettura del mondo angelico legata all’essenza umana trascendentale.

Questa nuova disciplina è stata fondata il 29 settembre 2019 da don Marcello Stanzione e Fausto Bizzarri.

L’anghelosophia unisce l’uomo e l’angelo in una modalità cristiana e moderna.

Preghiera all’angelo custode

Angelo benignissimo, mio custode, tutore e maestro, mia guida e difesa, mio sapientissimo consigliere e amico fedelissimo, a te io sono stato raccomandato, per la bontà del Signore, dal giorno in cui nacqui fino all’ultima ora della mia vita. Quanta riverenza di debbo, sapendo che mi sei dovunque e sempre vicino! Con quanta riconoscenza ti devo ringraziare per l’amore che nutri per me, quale e quanta confidenza per saperti il mio assistente e difensore! Insegnami, Angelo Santo, correggimi, proteggimi, custodiscimi e guidami per il diritto e sicuro cammino alla Santa Città di Dio. Non permettere che io faccia cose che offendano la tua santità e la tua purezza. Presenta i miei desideri al Signore, offrigli le mie orazioni, mostragli le mie miserie e impetrami il rimedio di esse dalla sua infinita bontà e dalla materna intercessione di Maria Santissima, tua Regina. Vigila quando dormo, sostienimi quando sono stanco, sorreggimi quando sto per cadere, alzami quando sono caduto, indicami la via quando sono smarrito, rincuorami quando mi perdo d’animo, illuminami quando non vedo, difendimi quando sono combattuto e specialmente nell’ultimo giorno della mia vita, siimi scudo contro il demonio. In grazia della tua difesa e della tua guida, ottienimi infine di entrare nella tua gloriosa dimora, dove per tutta l’eternità io possa esprimerti la mia gratitudine e glorificare assieme a te il Signore e la Vergine Maria, tua e mia Regina. Amen.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna

Articolo precedenteUn metodo semplice per non annoiarsi durante la messa
Articolo successivoPapa Francesco: il dialogo, ossigeno della pace
Rita Sberna (Presidente)è nata nel 1989 a Catania. Nel 2012 ha prestato servizio di volontariato presso una radio sancataldese “Radio Amore”, lì nasce la trasmissione da lei condotta “Testimonianze di Fede”.Continua a condurre “Testimonianze di Fede” per la radio web di Don Roberto Fiscer “Radio Fra le note” con sede a Genova e per Cristiani Today in diretta Live.Nel 2014 ha scritto per il settimanale nazionale “Miracoli” e il mensile “Maria”.Nel 2013 esce il suo primo libro “Medjugorje l’amore di Maria” dedicato alla Regina della Pace e nel 2017 con l’associazione Cristiani Today pubblica il suo secondo libro “Il coraggio di aver Fede”. Inoltre su Cristiani Today scrive vari articoli legati alla cristianità e cura la conduzione web dei programmi Testimonianze di Fede e di Cristiani Today live.