Le visioni della veggente di Akita

“L’angelo era una bellissima donna”

 In Giappone, negli anni tra il 1973 e il 1981, si verificarono dei prodigi su una statua della Madonna “Signora di tutti i popoli” presso la comunità delle Serve dell’Eucarestia di Akita, un giorno gli angeli si manifestarono sotto le sembianze femminili alla veggente, suor Agnese Katsuko Sasagawa, nata nel 1931, oggi novantenne che dichiarò:

Scorsi improvvisamente sulla destra del mio letto una graziosa persona che non conoscevo e che si mise a recitare il Rosario con me. Dopo la prima decina, ella aggiunse una preghiera sconosciuta. Sorpresa, io l’ho ripetuta dopo di lei. Poi lei mi ha consigliato di aggiungerla dopo di essa. Eccone il testo: Gesù mio, perdonate i miei peccati, preservateci dal fuoco dell’inferno, e portate in Cielo tutte le anime, soprattutto quelle che hanno più bisogno della vostra misericordia”.

La veggente aggiunse che vide l’angelo sotto le sembianze di una forma femminile e quell’essere celeste, da nove anni, continuò ad apparigli infinite volte, talvolta la guidava, l’avvertiva e la reprimeva.

L’angelo che per la prima volta le fece visita, le continuò a parlare per sei anni consecutivi.

In un’altra visione del 1973, la veggente vide una figura che pregava al suo fianco: “E’ la stessa che avevo visto al lato del letto in ospedale (la religiosa stette in coma profondo), una donna fatta di luce, dalla voce magnifica, pura, che risuonava nella mia testa. Fissandola mi accorsi che somigliava vagamente a mia sorella morta. Appena l’idea mi sfiorò, la creatura mi rispose sorridendo gentilmente e facendo cenno di no con la testa. Poi disse: “Sono colei che resta sempre al tuo fianco e ti protegge”. “L’angelo brillava. Non lo si può descrivere a parole, emanava una sensazione di dolcezza. Il suo abito era di luce”.

Nel 1973, la veggente ebbe diversi messaggi che la Madonna le diede durante le apparizioni (confermate dalla Chiesa). In una di queste apparizioni avrebbe ricevuto un messaggio veicolato da un angelo. La religiosa ne parlò con una consorella donandole il permesso di diffondere il contenuto:

“Domenica, 6 ottobre (2019), alle 3.30 ad Akita, lo stesso angelo è apparso davanti a me (suor Sasagawa) come circa 30 anni fa. L’angelo per prima cosa mi ha detto qualche cosa di privato. La buona cosa da diffondere a tutti è: “Copritevi con le ceneri”, e “per favore pregate il Rosario Penitenziale ogni giorno. Tu, suor Sasagawa, diventa come un bambino e ogni giorno per favore offri sacrificio”. Suor M chiese a suor Sasagawa: “Posso dirlo a tutti?”. Suor Sasagawa ha dato il suo assenso e ha aggiunto: “Pregate perché io sia capace di diventare come un bambino e offrire sacrificio”. Questo è quanto fu udito da suor M.”.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna

Leggi di più:  Giappone: dal Papa un messaggio di pace in una terra di martiri