Troppi “Lupi travestiti d’Agnello”: Questa è l’ora dei “Falsi Profeti”

Foto di Free-Photos da Pixabay

Essere “Cristiani”! Bella Parola! Chi è il #Cristiano?

Il Crist -iano è colui che vive ad immagine e somiglianza di #Cristo, colui che è morto sulla Croce ed ha dato fino all’ultima goccia di sangue per me e per te. E’ morto per i buoni ed i cattivi, è #Risorto per salvare l’#umanità, a prescindere da tutti … Lui ha un posto per ognuno di noi.

Gesù è colui che fa sorgere il sole sui buoni ed i cattivi, non fa differenza, non fa particolarità, ama tutti allo stesso modo ma in maniera unica e speciale.

A molti di voi, sarà capitato di essere particolarmente attratti e catturati dalla “luce” che certe persone riescono a trasmettere attraverso le loro parole, i loro consigli, il loro “affetto” e piano piano, giorno dopo giorno, riescono ad istaurare un rapporto di fiducia e amicizia, con la persona che in quel momento è tanto bisognosa di aiuto. Scaturisce in essa, quasi un bisogno, di chiedere continue conferme, consigli e messaggi .. quasi quasi da non farne più a meno.

Ecco che “l’amico profeta” ha raggiunto il suo obiettivo: essere entrato nel cuore di quella persona al punto da averne ottenuto la massima fiducia!

Poi passa il tempo e ti accorgi che questa persona cristiana, inizia a manifestare anche un altra natura, un altro lato oscuro dove non vi è più quell’affetto, quell’amicizia consigliera benevola e pacifica sempre pronta ad imitare Cristo nelle sue buone azioni, ma vi è anche un velo sottile, che pian piano s’intensifica sempre di più … di presunzione e zizzania, al punto che ciò che “il Profeta” dice, diventa più veritiero delle parole di Cristo stesso.

Leggi di più:  Le carmelitane Martiri di Compiègne - Giustiziate il 17 luglio 1794

La Madonna a Medjugorje ci ha insegnato di discernere bene la nostra intimità, ricordandoci che tutto quello che nel cuore provoca, divisione, confusione ed ansia viene dal nemico. A differenza dei sentimenti che appartengono a Cristo come l’amore, la misericordia e la verità.

Se la persona è un vero profeta di Cristo (perchè ognuno di noi siamo chiamati ad esserlo) non punterà mai il dito contro qualcuno, non metterà mai l’uno contro l’altro, ma sarà sempre un “Portatore di pace e di verità” non un mensognero, non un avversario.

Gesù ce lo ha detto: non si possono servire 2 padroni, o si serve uno e si tradirà l’altro o viceversa.

Oggi il “falso profetismo” alberga e cavalca l’onda, in molti cuori cristiani. Siamo dei peccatori, bisognosi di tanta misericordia ma una cosa è certa: la cattiveria consapevole, viene severamente condannata dal Padre Eterno, amante zelante del bene e della verità. Dio ha misericordia per tutti fino all’ultimo secondo della nostra vita non è mai troppo tardi, ma se poi molte anime si perderanno eternamente, sicuramente è perchè loro stesse hanno scelto questo destino, perchè anzichè ravvedersi in questa vita, fino all’ultimo sono state le prime ad ingannare il loro cuore con la brutta malattia della superbia e della falsità.

Preghiamo affinchè ognuno di noi sia in grado di dire a Gesù: Eccomi (come Maria) sono pronta/o a far la tua volontà attraverso i miei fratelli, voglio amarti e rispettarti perchè l’unico modo per amare Dio è amare gli altri. Chi ferisce gli altri, ferisce Dio!

Ravvediamoci!

Rita Sberna