Tutti siamo ammessi al cuore di Gesu’

Il Papa all’Angelus: per avere accesso al cuore di Gesù bisogna sentirsi bisognosi di guarigione e affidarsi a Lui

Gesu’ “sorgente di vita”. Colui che solo puo’ ridonare la vita se ci affidiamo a Lui. Gli episodi delle guarigioni di una fanciulla e di una donna – ha affermato il Pontefice hanno un unico centro: la fede.

Nessuno deve sentirsi un intruso, un abusivo o un non avente diritto. Per avere accesso al suo cuore, al cuore di Gesù, c’è un solo requisito: sentirsi bisognosi di guarigione e affidarsi a Lui. Io vi domando: ognuno di voi si sente bisognoso di guarigione? Di qualche cosa, di qualche peccato, di qualche problema? E, se sente questo, ha fede in Gesù? Sono i due requisiti per essere guariti, per avere accesso al suo cuore: sentirsi bisognosi di guarigione e affidarsi a Lui. Gesù va a scoprire queste persone tra la folla e le toglie dall’anonimato, le libera dalla paura di vivere e di osare. Lo fa con uno sguardo e con una parola che li rimette in cammino dopo tante sofferenze e umiliazioni. Anche noi siamo chiamati a imparare e a imitare queste parole che liberano e questi sguardi che restituiscono, a chi ne è privo, la voglia di vivere.

Il miracolo di Gesù compiuto nei confronti della figlia di Giairo.

Ci spiega il Papa: «Il Vangelo di oggi ci presenta due prodigi di Dio, descrivendoli quasi come una marcia trionfale di Gesù verso la vita. Dapprima l’Evangelista narra di un certo Giairo, uno dei capi della sinagoga, che viene da Gesù e lo supplica di andare a casa sua perché la figlia di dodici anni sta morendo. Gesù accetta e va con lui; ma, lungo la strada, giunge la notizia che la ragazza è morta. Possiamo immaginare la reazione di quel papà. Gesù però gli dice: “Non temere, soltanto abbi fede!”.

Leggi di più:  Berlino 30 anni dopo: una grande occasione perduta

Arrivati a casa di Giairo, Gesù fa uscire la gente che piangeva – c’erano anche le donne prefiche che urlavano forte – ed entra nella stanza solo coi genitori e i tre discepoli, e rivolgendosi alla defunta dice: “Fanciulla, io ti dico: alzati!”. E subito la ragazza si alza, come svegliandosi da un sonno profondo».

Il miracolo di Gesù nei confronti di una donna che soffriva di emorragie.

Spiega il Pontefice: “Dentro il racconto di questo miracolo, Marco ne inserisce un altro: la guarigione di una donna che soffriva di emorragie e viene sanata appena tocca il mantello di Gesù. Qui colpisce il fatto che la fede di questa donna attira – a me viene voglia di dire “ruba” – la potenza salvifica divina che c’è in Cristo, il quale, sentendo che una forza «era uscita da lui», cerca di capire chi sia stato. E quando la donna, con tanta vergogna, si fa avanti e confessa tutto, Lui le dice: “Figlia, la tua fede ti ha salvata”.

L’unica morte è quella di avere un cuore indurito

Il pontefice ci dice : Quando noi sentiamo di avere il cuore indurito, il cuore che si indurisce e, mi permetto la parola, il cuore mummificato, dobbiamo avere paura di questo. Questa è la morte del cuore. Ma anche il peccato, anche il cuore mummificato, per Gesù non è mai l’ultima parola, perché Lui ci ha portato l’infinita misericordia del Padre. E anche se siamo caduti in basso, la sua voce tenera e forte ci raggiunge: «Io ti dico: alzati!». E’ bello sentire quella parola di Gesù rivolta a ognuno di noi: “Io ti dico: alzati! Vai. Alzati, coraggio, alzati!”. E Gesù ridà la vita alla fanciulla e ridà la vita alla donna guarita: vita e fede ad ambedue».

Leggi di più:  “Papa Francesco è la continuità dei papi straordinari che l’hanno preceduto ed i poveri ne sono la priorità”

Chiediamo alla Vergine Maria di accompagnare il nostro cammino di fede e di amore concreto, specialmente verso chi è nel bisogno. E invochiamo la sua materna intercessione per i nostri fratelli che soffrono nel corpo e nello spirito.

Appelli e preghiera

Dopo la recita dell’Angelus, il Santo Padre ha lanciato appelli per la pace in Nicaragua e in Siria. In mezzo a tanti conflitti, è doveroso segnalare una iniziativa che si può definire storica – e si può dire anche che è una buona notizia: in questi giorni, dopo vent’anni, i governi di Etiopia ed Eritrea sono tornati a parlare insieme di pace. Assicuro la mia preghiera anche per i giovani dispersi da oltre una settimana in una grotta sotterranea in Thailandia.

Ricorda ancora il Pontefice che sabato prossimo si recherà a Bari, “insieme a molti Capi di Chiese e Comunità cristiane del Medio Oriente”. “Vivremo – ha detto – una giornata di preghiera e riflessione”.

 

Emanuele Maida