Il Vaticano disegna un programma per scomunicare la mafia

Il Vaticano disegna un programma per scomunicare la mafia

Il Papa ha detto a una commissione vaticana di lavorare su un nuovo processo per scomunicare i cattolici condannati per la corruzione oi crimini legati alla mafia.

La mossa segue la sua condanna della corruzione in una prefazione di un libro del cardinale Pietro Turkson, in cui Francesco ha descritto come “una forma di blasfemia, questo cancro che pesa sulle nostre vite”.

Più di 50 avvocati, vescovi, rappresentanti delle Nazioni Unite e vittime della criminalità organizzata si sono incontrati al Vaticano la scorsa settimana per un “dibattito internazionale sulla corruzione”.

Stesso Turkson ha detto della riunione: “Abbiamo concepito questo incontro per affrontare un fenomeno che porta al calpestio della dignità delle persone.

“Perciò dipende da noi, e questo Dicastero, di essere in grado di proteggere e promuovere il rispetto per la dignità della persona. E per questo motivo cerchiamo di attirare l’attenzione su questa questione ».

Leggi di più:  Il Riposo di un Santo, San Giovanni Paolo II