“Gesù cammina ancora al mio fianco”

Foto di congerdesign da Pixabay

Lungo il cammino per Emmaus

Quante volte nella mia vita ho visto Gesù, quante volte mi ha parlato, eppure io non l’ ho mai visto né sentito, perché il mio cuore non era ancora capace di riconoscere il Signore, il Maestro che mi istruiva lungo il cammino, ma qualcosa in me cresceva, qualcosa che è simile a una emozione di serenità, di pace. Non mi rendevo conto chi o cosa producesse questo effetto. Gesù allora ha fatto ancora un passo avanti , e si è fatto “ pane” per me, in me.Allora il mio cuore ha iniziato a chiedersi: “Perché Lui si fa piccolo e viene da me? Cosa vuole da me? Io non ero pronto a lasciare la via che percorrevo per prenderne un’altra ,ma Lui ha insistito, ha dolcemente aspettato che il mio cuore avesse lo stesso ritmo del Suo, quando è successo , ho aperto gli occhi, e ho riconosciuto il Signore, iniziando così a percorrere la via che Lui mi aveva indicato, l’unica via per arrivare lì dove è il Padre, certo non è la più facile, in alcuni tratti si fa fatica , ma il desiderio di arrivare nella Gerusalemme celeste, fa si che gli ostacoli di ogni genere vengano superati. Gesù , cammina ancora al mio fianco, anche se non ti vedo, so che ci sei, tutte quelle volte che non Ti avevo riconosciuto, pur camminando fianco a fianco, era solo perché il mio sguardo era rivolto troppo su di me. Grazie Signore, perché hai fatto in modo che i miei occhi , prima del mio cuore, si aprissero per riconoscerti , amarti e non lasciarti più. Grazie per avermi donato il Tuo Santo Spirito rendendomi figlio del Padre, grazie per avermi salvato con il Tuo sangue versato sulla croce, per avermi liberato dal laccio della morte donandomi la vita eterna

Paolo Colonna

Per entrare meglio nel cuore

 

Articolo precedente4 metodi per evitare il pettegolezzo
Articolo successivoScintilla di luce della Parola
Paolo Colonna
Paolo Colonna nato a Vernole in provincia di Lecce (Puglia) nel 1957 elettricista in pensione da poco più di un anno. Accolito istituito nel Dicembre del 2006, dopo un percorso di tre anni presso il seminario di Lecce, attualmente collabora con il parroco della propria parrocchia, ogni domenica si reca in casa di 8-10 ammalati per portare loro la S.S Eucarestia. Sposato da più di 40 anni, ha due figli e tre nipoti. Nel tempo libero si occupa coltivando un piccolo orto e facendo sculture in legno di ulivo, ogni tanto deve mettere per iscritto quello che il cuore gli suggerisce. Infatti, su Cristiani Today cura la rubrica “Preghiere” mettendo per iscritto la preghiera del cuore.