8 verità sul perdono

foto da pixabay

Sappiamo tutti che il perdono è importante – ma che cos’è in realtà questa pratica?

Se siamo onesti, è a volte straordinariamente difficile.

Ma il perdono è comandato da Gesù.

Ecco cosa dice in Marco 11v25: “. Ogni volta che vi mettete a pregare, perdonate, se avete qualcosa contro qualcuno, in modo che il vostro Padre celeste possa anche perdonare le vostre colpe”

Che cos’ è il perdono?

Il perdono è “quando ci sforziamo contro tutti i pensieri di vendetta, quando non facciamo del male ai nostri nemici  ma vogliamo il loro bene, quando preghiamo per loro, quando cerchiamo la riconciliazione con loro, e ci mostriamo pronti in tutte le occasioni per alleviare il loro dolore “.

Come possiamo essere persone di perdono?

Qui ci sono alcuni punti molto utili:

1. Il Perdono inizia con Dio

Come cristiani perdoniamo perché abbiamo scoperto che Dio ci ha perdonati generosamente  attraverso la croce di Cristo (Efesini 4v32). Possiamo cominciare solo per essere persone di perdono alla luce della sua grazia sorprendente verso di noi, è una realizzazione del nostro bisogno profondo per esso.

2. Il perdono è trasformazione

Ho sentito parlare di musulmani che sono venuti alla fede perché il fatto che Gesù ha pregato: “Padre, perdona loro” per i suoi carnefici, mentre moriva era così diverso da qualsiasi cosa avessero mai sentito prima. Ci sono molte storie di ispirazione. Gordon Wilson, il padre di una bimba dell’IRA vittima, offrendo il perdono per gli assassini di sua figlia è solo un esempio di come il perdono trasforma radicalmente la vita.

3. Il perdono è una decisione, non è un sentimento

A volte la gente pensa che il perdono è basato sulle emozioni, ma ci sono molti difetti in questo punto di vista, come Chris Brauns mette in evidenza nel suo libro disimballaggio il perdono. Io non sono la prima persona a dire che il perdono non significa che dobbiamo stare bene con cose orribili, come la spaventosa malvagità degli abusi.

5. Il perdono è un processo, non un evento

A volte possiamo arrivare ad un punto  per poter perdonare qualcuno e il gioco è fatto. Ma per molti, si tratta di un processo continuo che dobbiamo tornare ancora e ancora, ogni volta che siamo tentati di cercare vendetta o sminuire qualcuno che ci ha fatto del male. La cosa importante è che continuiamo a tenere un rapporto con lui.

6. Il perdono non è la stessa cosa della riconciliazione

Steve Cornell, un ministro della Pennsylvania, scrive: “E ‘possibile perdonare qualcuno senza offrire la riconciliazione immediata … In molti casi, anche se un colpevole confessa il suo male, la persona offesa potrebbe giustamente dire:’ ti perdono, ma potrebbe prendere po ‘di tempo per riconquistare la fiducia e ripristinare il suo rapporto’. “

7. Il perdono non significa che i trasgressori non devono affrontare una sanzione

Dio perdona i nostri peccati, ma ancora ci disciplina. Non possiamo affrontare la separazione eterna da Dio, ma dobbiamo ancora affrontare la sua disciplina terrena . Ad esempio, in Ebrei 8v12 Dio dice ai credenti che egli ” non si ricorderà più dei loro peccati”. Eppure un po ‘più tardi leggiamo anche che “coloro che il Signore ama, li disciplina”. Allo stesso modo, si potrebbe perdonare a livello personale che qualcuno ha commesso un reato contro di noi, pur ritenendo giusto che si trovano ad affrontare una perdita di libertà in carcere, nella speranza che essi stessi possono essere riformati, mentre altri sono al sicuro.

8. Il perdono è pienamente efficace solo quando un uomo è veramente pentito

John Piper dice: “Quando una persona che  ha torto non si pente … l’opera di perdono non ha valore. Possiamo ancora definire la nostra cattiva volontà, siamo in grado di consegnare la nostra rabbia a Dio, possiamo cercare di fare loro del bene, ma non possiamo portare a termine la riconciliazione  “.

Amo questa preghiera del devozionale scrittore Scotty Smith:. “Signore, come la maggior parte dei giorni, oggi ci sperimentiamo persone difficili e di circostanza deludente, relazioni difficili e interruzioni non pianificate, limiti personali e recidivi Padre, è il nostro desiderio di rispondere con la misericordia e la grazia, al contrario di reagire con l’ irritazione o l’indifferenza e la manipolazione. Quindi guardiamo a voi -. piuttosto, ci abbandoniamo a te, e alla potenza del Vangelo, e al ministero dello Spirito. Possano le parole della nostra bocca essere alimentate dalla meditazione del nostro cuore, riflettere e rivelare Gesù e quando non lo fanno, ci conceda il pentimento rapido e la grazia. “ Amen!

David Baker @Baker_David_A è un ex giornalista  ora lavora come un ministro anglicano nel Sussex, in Inghilterra. La Rough Guide to Discepolato è una serie quindicinale.

Leggi di più:  Guarito da un tumore di due chili con l'intercessione di San Pancrazio
Articolo precedentePrete che usa i giochi di magia per spiegare il catechismo
Articolo successivoSatanismo e Messaggi Subliminali
Rita Sberna (Presidente)è nata nel 1989 a Catania. Nel 2012 ha prestato servizio di volontariato presso una radio sancataldese “Radio Amore”, lì nasce la trasmissione da lei condotta “Testimonianze di Fede”.Continua a condurre “Testimonianze di Fede” per la radio web di Don Roberto Fiscer “Radio Fra le note” con sede a Genova e per Cristiani Today in diretta Live.Nel 2014 ha scritto per il settimanale nazionale “Miracoli” e il mensile “Maria”.Nel 2013 esce il suo primo libro “Medjugorje l’amore di Maria” dedicato alla Regina della Pace e nel 2017 con l’associazione Cristiani Today pubblica il suo secondo libro “Il coraggio di aver Fede”. Inoltre su Cristiani Today scrive vari articoli legati alla cristianità e cura la conduzione web dei programmi Testimonianze di Fede e di Cristiani Today live.