Aiutiamo Loretta Facelli affetta dal Morbo di Lyne !!!

Questa è la triste storia di una giovane donna di 52 anni, a cui è stata negata una vita normale e libera da ogni vincolo e schiavitù fisica.

Si chiama Loretta Facelli , vive a Vercelli ormai da anni insieme a sua madre. Questo suo trasferimento è avvenuto per via della sua strana e rara malattia “Il Morbo di Lyne”.

Loretta era una commercialista, aveva una vita piena d’impegni lavorativi ed è sposata. A causa di questo suo peggioramento fisico e psicologico, ha lasciato il marito, anche se non si sono mai separati concretamente. E’ stata costretta a porre fine alla sua attività lavorativa a causa delle frequenti assenze.

La Facelli riscontra questa rara patologica chiamata “Morbo di Lyne” a seguito di un morso provocato da una puntura di zecca, durante una vacanza fatta 15 anni fa.

Da allora la sua vita, è diventata un incubo; un continuo calvario in tutti gli ospedali e le Asl del Nord Italia, ma nessun medico fin’ora, è stato in grado di trovare una cura ed una soluzione per porre fine a questa sua continua agonia.

Due anni fa, un ortopedico di Novara scoprì che Loretta era affetta da questo morbo, da un batterio sviluppatosi a seguito del morso di una zecca.

Loretta è costretta a prendere la morfina, talmente i dolori sono lancinanti, ha dolori alle ossa, ai muscoli, alla testa. Poco tempo fa, un medico le somministrò 40 bottiglie di flebo in soli 20 giorni, che contenevano un antibiotico, ma la Facelli non ha riscontrato nessun risultato.

Loretta chiede aiuto alla Sanità, ai medici, e vorrebbe essere ricoverata in qualche struttura che consideri e prenda sotto osservazione la sua grave patologia.

Leggi di più:  “Il Veggente – Il Segreto delle Tre Fontane” di Saverio Gaeta

Le abbiamo fatto qualche domanda.

 

Loretta, in questo momento come va la tua salute? I sintomi sono diminuiti?

I sintomi sono aumentati, infatti da un mese circa, prendo anche la morfina ma non è la soluzione ai miei problemi tantè vero che dopo un paio d’ore che l’effetto della morfina scompare, ricompaiono i dolori e sono costretta a prenderla 2 – 3 volte al giorno.

C’è qualche medico che ultimamente ha preso il tuo caso in cura sperimentando nuove diagnosi?

Purtroppo non c’è nessuno qui a Vercelli e a Torino, in grado di  darmi una cura o di fare una diagnosi. Nel Piemonte non riescono ancora a curare il Morbo di Lyne.

 

Cosa vuoi chiedere a chi ti legge?

Vorrei andare in un ospedale o in un centro, dove medici ed infermieri seguissero il mio male incurabile, accudendomi ogni giorno. Da anni abito con mia mamma, non posso stare più nemmeno con mio marito, questa cosa mi manda alla disperazione, non ho più una vita normale, sto sempre male. A volte vorrei morire … non so fino a quando durerò in questo stato. Ho bisogno di aiuto! Spero di trovarlo!

 

Servizio di Rita Sberna