Aleandro Baldi: “La verità nella carità”- Così inizia la mia conversione

Aleandro Baldi: “La verità nella carità”- Così inizia la mia conversione

Aleandro Baldi: “La verità nella carità”- Così inizia la mia conversione

Aleandro Baldi  ha alla spalle una ricca e lunga carriera artistica.

E’ un cantautore e polistrumentista. La sua carriera inizia nel 1986, partecipando al Festival di Sanremo con il brano “La nave va”, si classifica al 2°posto nella sezione giovani.

Nel 1987 esce l’album di debutto.

La vera consacrazione avvenne nel 1992 quando vinse il 42° Festival di Sanremo in coppia con Francesca Alotta con il brano scritto da lui “Non amarmi”.

Nel 2010, corona un sogno. Si diploma in chitarra al conservatorio.

Nel 2012, mette la sua professionalità a disposizione di un associazione genovese che trasmette messaggi di solidarietà attraverso la musica.

Il 21 febbraio, partecipa come testimonial, alla realizzazione del video clip “Un brivido”, dove ha dato una toccante interpretazione.

Il brano era stato premiato dall’Istituto Gaslini, per il tema sociale trattato.

 

Lei era lontano dalla fede, poi si è accorto che senza la fede, la sua vita era vuota.

Cos’è che l’allontanava dalla fede?

Quello che mi allontanava dalla fede era la solitudine.

All’inizio ero vicino alla fede, perché mi hanno introdotto a questo i miei genitori. Però, era una fede basata non sulla fede vera ma sulla memoria, nel senso che mi piaceva stare in chiesa perché lì ricordavo tutti i momenti belli, però quando poi sono diventato più grande questa memoria si è trasformata in solitudine.

I ragazzi della mia età avevano altri svaghi e mi lasciavano solo e così la mia fede è cominciata a vacillare e ad indebolirsi sempre di più, fino ad allontanarmi dalla chiesa.

Leggi di più:  Mara Santangelo ‘ Te lo prometto’ e l’incontro con la fede a Medjugorje

Però una volta che mi ero allontanato, sentivo nella mia vita un senso di vuoto, non c’era un valore profondo, ma sentivo la mancanza di questa persona (cioè di Dio) che in un modo tradizionalistico, mi avevano fatto conoscere i miei genitori.