Quando basta un TITOLO per veicolare un pensiero

Oggi navigando su #facebook resto colpito da un titolo di un #giornale #online, #HUFFPOST. Il titolo scrive “Papa Francesco non ha dubbi: “Il ‘Padre Nostro’ è sbagliato, Dio non induce in tentazione. Casomai, è Satana”. Mi sono chiesto, non ci credo che il Papa abbia affermato che il Padre Nostro è sbagliato. Apro il post è trovo anche il video e il Papa non si esprime dicendo che il Padre Nostro è sbagliato ma spiega che è sbagliata la traduzione di come è arrivata a noi la preghiera. Visto il video capisco che il TITOLO è un esca per attirare clik mi domando se però è onesto e giusto veicolare sin dal titolo il pensiero. In fondo in questo caso si dovrebbe far cronaca, secondo me non è stata fatta nel modo giusto e corretto, perché come ha sorpreso me questo titolo può sorprendere chiunque, ovvio che bisogna usare qualsiasi strategia per accaparrasi i clik, ma bisogna avere anche la Responsabilità di non portare i lettori in tentazione come? Il Titolo poteva essere questo, “Papa Francesco non ha dubbi: “Il ‘Padre Nostro’ ha traduzioni e interpretazioni sbagliate, Dio non induce in tentazione. Casomai, è Satana” credo sarebbe un’altra storia. E per questo che vi invitiamo sempre a leggere e ad accettarvi delle espressioni di qualsiasi persona, Papa compreso.

Qui il Video Completo della Puntata andata in onda su #TV2000

Leggi di più:  "Vieni e Vedi", il tema della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali