Coronavirus, Pro Vita & Famiglia solidale: torna un Dono per la Vita

Maria Rachele Ruiu (Pro Vita & Famiglia) consegna la carrozzina a una coppia beneficiaria dell'iniziativa "Un Dono per la Vita" (foto: Pro Vita & Famiglia)

In concomitanza con la campagna di solidarietà #AttiviamociperilBeneComune, con la consegna di 35.000 mascherine protettive e decine di migliaia di euro di cibo, guanti sanitari e medicinali distribuiti ad anziani, famiglie disperate e disabili in tutta Italia, Pro Vita & Famiglia in questo tempo di emergenza per il Coronavirus torna ad aiutare le mamme più duramente colpite dalla crisi. Lo fa, in occasione della quarta edizione di ‘Un dono per la Vita’, proprio il giorno della Festa della Mamma, per andare alle donne il proprio sostegno e la propria vicinanza fattiva.
L’impegno sociale della Onlus prolife, guidata dal presidente Toni Brandi e dal vice presidente Jacopo Coghe, consiste nella donazione di passeggini, culle, pannolini, ciucci e biberon per le mamme che stanno affrontando o hanno affrontato una gravidanza e che versano in difficoltà economiche e non solo.
“Considerata l’emergenza coronavirus e il fatto che nel prossimo decreto le famiglie non avranno risorse per insufficienza di fondi, vogliamo dare un aiuto concreto alle famiglie, laddove lo Stato ha dimostrato di abbandonare al loro destino”, ha dichiarato Toni Brandi.
“In tempi normali – ha aggiunto Coghe – le spese che una famiglia deve affrontare per un figlio appena nato sono di circa 1500 €. Ora con la crisi e il lavoro che manca, la situazione è ancora più grave e drammatica. Non possiamo girare gli occhi dall’altra parte e non vogliamo che creare famiglia e fare figli diventi sempre di più un problema per il Paese che un’opportunità e una risorsa”.
La consegna dei prodotti per l’infanzia è avvenuta presso la sede di Pro Vita nella mattinata di venerdì 8 maggio: sono dodici le mamme che hanno ricevuto il dono per la Vita.
La precedente tappa della campagna #AttiviamociperilBeneComune è consistita nella donazione di 30mila euro e nella messa a disposizione di una rete di volontari a servizio degli anziani nelle case di riposo, dei malati, dei portatori d’handicap e delle persone bisognose. Nel contempo, agli stessi beneficiari e ai Comuni che ne avessero necessità, sono state distribuite 15mila mascherine filtranti. Fin dall’inizio dell’emergenza Covid-19, Pro Vita & Famiglia si sta battendo per le categorie più dimenticate in questi mesi – famiglie, anziani, bambini, disabili – denunciando i ritardi delle istituzioni nell’affrontare il problema.

Leggi di più:  12 aprile 2020: la nostra Pasqua più difficile