Il Cristo degli abissi

Il Cristo degli abissi è una statua bronzea posta nel 1954 sul fondale della baia di San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino all’interno dell’Area naturale marina protetta Portofino, a 15 metri di profondità.

La statua nacque da un’idea di Duilio Marcante che, a seguito della morte di Dario Gonzatti durante un’immersione nel 1947, spinse per la posa di una statua di Cristo sul fondale marino; il 29 agosto 1954 la statua del Cristo degli abissi viene posta nella baia di fronte a San Fruttuoso, tra Camogli e Portofino.

La statua, alta circa 2,50 metri e realizzata dallo scultore Guido Galletti e creata nella fonderia artistica Battaglia[1], venne posta grazie alla Marina Militare Italiana a circa 17 metri di profondità, fu portata sul fondo grazie a molti subacquei di “Mondo Sommerso”, guidati dall’allora direttore Marco Paini, il quale posó la statua con precisione millimetrica sul basamento.l Le braccia del Cristo, sono rivolte in alto idealmente a Dio in cielo, sono aperte in segno di pace.

Nel 2003 la statua è stata restaurata per preservarla dalla corrosione e dalle incrostazioni e, soprattutto, per riattaccarle la mano staccata da un’ancora,ritrovata dal subacqueo Enea Marrone, per poi essere riposizionata sott’acqua il 17 luglio 2004 su un nuovo basamento, ad una profondità inferiore a quella precedente.

E’ possibile visitare la statua con un immersione ovviamente accompagnata dagli iscritti della Regione Liguria, anche se l’immersione risulta poco profonda.

Per chi sarà stato in visita in questo luogo marino credo che sia molto suggestivo far visita a Gesù Cristo nelle acque della Liguria. Una copia della statua si trova nella chiesa di San Fruttuosio.

Leggi di più:  Un ristorante di Roma in cui lavorano i migranti per uno scambio di racconti e di storie