Difendere la vita: la chirurgia salva i bambini che hanno una condizione fetale grave

Foto di Nikos Apelaths da Pixabay

Per il professore Chipriota nel Regno Unito Kypros Nicolaides l’aborto non è un’opzione. Pioniere nel campo della medicina fetale, è stato eletto a far parte della National Academy of Medicine degli Stati Uniti.

Luissa Galloso, una ragazza di 31 anni, incinta di Windsor, nel Regno Unito, è stata sottoposta ad una delicata operazione nel 2016, ma l’intervento non era per lei ma per il feto che portava in grembo. Al suo bambino era stata diagnosticata un’ernia diaframmatica congenita (CDH), una malattia rara e spesso fatale che colpisce un bimbo su 4.000 bambini non ancora nati che hanno un buco nel diaframma, il sottile strato di muscolo che separa il petto dell’addome.

Il foro consente al fegato o all’intestino di risalire nella cavità toracica, impedendo ai polmoni di svilupparsi completamente. Senza l’operazione, i bambini con malattia coronarica grave hanno una probabilità di sopravvivenza del 15-20%. Con l’operazione, la  possibilità di sopravvivenza aumenta a circa il 50%. Non è una cura definitiva, ma offre speranza.

L’intervento è stato avviato dal professor Kypros Nicolaides , uno specialista di medicina fetale di fama mondiale che lavora presso l’NHS Kings College Hospital di Londra ed è stato scelto dalla US National Academy of Medicine per migliorare e prendersi cura delle donne incinte in tutto il mondo. Nicolaides ha guidato lo sviluppo dell’intervento, che viene eseguito a 26-28 settimane e si ritiene che aiuti almeno un terzo dei bambini nati con CDH.

Intervistato da The Guardian, la giornalista Caroline Davies nota che Nicolaides, chiamato affettuosamente “Prof”, è noto per le sue mani abili e per le “solite battute”. “Ma la cosa più importante”, dice, “è che i genitori traggono vantaggio dai suoi molti anni di ricerca ed esperienza pionieristica, il che garantisce che stanno dando ai loro bambini tutte le opportunità del mondo”.

Sebbene ci sia un’intensa pressione per salvare i bambini in una società in cui l’aborto viene offerto apertamente, Nicolaides sa che alcuni possono morire indipendentemente da quello che fa, e si affeziona emotivamente a tutti loro. “Non c’è ricompensa migliore nella vita di una donna che viene a mostrarti il ​​suo bambino, o invia foto per dire: ‘Grazie, questo bambino non sarebbe nato.’ Come puoi giudicarlo? Contro cosa? Questa è la ricompensa finale” ha dichiarato a The Guardian.

Leggi di più:  Carola ha 11 anni e combatte la sua malattia rara