Documentario – In Africa il Covid 19 viene “sfruttato” per promuovere l’aborto

Foto di 3652586 da Pixabay

La pandemia di coronavirus è stata usata come arma dai ricchi paesi occidentali per promuovere l’aborto nelle nazioni africane in difficoltà, secondo Obianuju Ekeocha, sostenitore della vita e regista.

Come risultato della pandemia, le “nazioni donatrici” dell’Occidente, stanno allegando al Covid-19 dei pacchetti di “soccorso” a sostegno dell’ aborto e di altri tipi di radicalismo sessuale.

Domenica scorsa è stato pubblicato il nuovo corto cinematografico:  ” Africa’s Pandemic: A Gateway To Neocolonialism “.

“Gli effetti della pandemia sono stati devastanti per gli africani e sull’economia delle nazioni africane, così come sulle infrastrutture già tese in tutto il continente, mettendo i paesi in una situazione più disastrosa”, ha dichiarato Ekeocha, fondatore e presidente di Culture of Life Africa, al sito Christian Post .

“Alcuni donatori occidentali, compresi il governo e le istituzioni internazionali, hanno utilizzato questa opportunità per inserire un’agenda ideologica incentrata sulla cosiddetta ‘salute e diritti sessuali e riproduttivi’ sotto la copertura degli aiuti umanitari COVID-19“, ha aggiunto.

Il Malawi ha avuto il suo primo caso confermato di Covid-19 ad aprile. Da allora il paese con oltre 18 milioni di persone ha avuto 6.051 infezioni e 186 morti.

“Rafforzati da questa nuova infusione di fondi dei donatori in un momento in cui molte comunità sono indebolite e vulnerabili sotto il peso di una pandemia globale, i gruppi di difesa dell’aborto stanno spingendo la loro ideologia dell’aborto legalizzato, eppure, niente di tutto questo è nelle notizie quotidiane “, ha aggiunto il fondatore.

Nel cortometraggio, Ekeocha intervista Elyssa Koren, la direttrice dell’advocacy delle Nazioni Unite per ADF International; Zacc Kawalala, un pastore evangelico del Malawi che è il presidente della Commissione Etica, Pace e Giustizia; e Joy B. Mdivo, direttore esecutivo del Centro per la legge e la giustizia dell’Africa orientale in Kenya.

Attraverso una varietà di entità governative internazionali, sforzi umanitari, manovre legali e posizionamento strategico delle storie dei media, l’aborto viene promosso in Malawi e Kenya nonostante la massiccia opposizione tra il pubblico, in generale, in quelle nazioni, dice Ekeocha nel film.

L’aborto non è qualcosa che vogliono gli africani, ha detto il pastore Kawalala. Ciò che chiedono e di cui hanno bisogno sono miglioramenti ai loro sistemi medici già tesi e fragili e il supporto per la salute materna, ha dichiarato.

Quando una legge sull’aborto è stata recentemente introdotta in Malawi, 125 dei 188 membri del Parlamento si sono opposti, dice Kawalala nel documentario. Ma i sostenitori dell’aborto hanno esortato i legislatori ad approvare la legislazione e hanno portato i leader del governo a conferenze e seminari, che secondo lui erano sconsiderati dato che la pandemia avrebbe dovuto essere al centro e non l’aborto.

“I malawiani, le persone in questa nazione, non sono per questo disegno di legge”, ha detto Kawalala. “È l’Occidente che cerca di imporsi alle leggi del Malawi. Dovremmo essere autorizzati a seguire i nostri processi … lasciare che l’Occidente rimanga fermo. Lascia che i Malawi decidano per i Malawi”.

Gran parte del denaro per questi sforzi concertati sta arrivando attraverso Ipas, un gruppo internazionale di salute globale pro-aborto, e l’Istituto Guttmacher, ha detto, e questi gruppi finanziano una coalizione di organizzazioni locali che non rappresentano la maggioranza dei suoi cittadini.

La spinta a promuovere l’aborto in tutta l’Africa è arrivata anche attraverso organismi come l’Organizzazione mondiale della sanità e organizzazioni professionali come l’American College of Obstetricians and Gynecologists.

“Abbiamo visto tutti che con l’inizio della pandemia il sistema sanitario in molti posti in tutto il mondo era sovraccarico e c’era la necessità di prendere determinati servizi e respingerli e ritardare le cose che erano elettive”, dice Koren durante il documentario.

Eppure gli attivisti dell’aborto si sono opposti categoricamente all’aborto e lo hanno definito un servizio “non essenziale”. L’obiettivo finale di questi gruppi è un “diritto” all’aborto riconosciuto a livello internazionale, ha aggiunto.

Subito dopo l’escalation della pandemia in tutto il mondo, sia l’American College of Obstetricians and Gynecologists (che sostiene l’aborto su richiesta e l’aborto per i minori senza il consenso dei genitori) sia l’OMS hanno rilasciato dichiarazioni e politiche che affermano che l’aborto sia un servizio essenziale, esortando i governi e le strutture sanitarie a continuare ad offrirlo come tale.

Una delle principali nazioni donatrici che spinge l’aborto in tutto il mondo come parte dei fondi di soccorso Covid-19 è il Canada, ha aggiunto l’avvocato dell’ADF. Il Globe and Mail ha riferito a giugno che il governo canadese stava impegnando circa 9 milioni di dollari in aiuti internazionali per “servizi di salute sessuale e riproduttiva”.

“Il che, sappiamo, nel linguaggio delle Nazioni Unite, che (salute riproduttiva) significa aborto”, ha detto Koren.

“Questo è denaro per promuovere l’aborto, per offrire l’accesso all’aborto nei paesi in cui l’aborto è solitamente illegale o altamente limitato”.

 

Leggi di più:  L'Anpi per il 25 aprile vuole celebrare la libertà, e la Messa no?