Durante un’escursione sulle alpi vede un effigie della Madonna e si mette a pregare

Foto di Simon Steinberger da Pixabay

In un’escursione sulle Alpi Apuane, all’improvviso, vede una statua e le viene spontaneo pregare. Un vero sblocco: non pregava da 5 anni

Cinzia nell’agosto scorso ha partecipato con degli amici a un’escursione a Campo Cecina. Attratta dai paesaggi e dal percorso, a un certo punto nota tra i cespugli, una bellissima statua della Madonna, semicoperta dai fiori. Davanti a quell’immagine, Cinzia si sente catturata e si mette a pregare l’Ave Maria, una delle preghiere che Cinzia non pronunciava più da 5 anni, da quando era venuta a mancare sua madre.

Da quel giorno Cinzia, si mette a recitare il santo rosario quotidianamente, inizia a sentire la presenza di Maria nella sua vita e ad avere fiducia in Suo Figlio Gesù.

A volte un’immagine nascosta tra i cespugli è in grado di aprire il cuore e l’anima di chi lo aveva ormai chiuso da tempo.

Leggi di più:  Giovanni Paolo II e il santo Rosario