Essere Cristiani significa essere Umili e Caritatevoli

Foto di reenablack da Pixabay

Oggi si pratica poco l’umiltà, una virtù che nostro Signore Gesù Cristo ha avuto sin dal suo primo battito di cuore, avvenuto qui sulla terra.

L’umiltà di essere servo degli altri, l’umiltà di non vantare il fatto che era il Figlio Unigenito di Dio, il Re dei Re …. l’umiltà di essere povero, Lui che poteva essere ricco. L’umiltà di amare anche chi non conosceva la ricchezza dell’amore.

L’umiltà di vedere negli altri le cose belle che la vita gli ha donato.

Oggi l’umiltà sembra quasi non esistere più proprio in quelle persone che si reputano “Cristiane e cattoliche”, forse perchè ci si esamina troppo poco nella coscienza e nel cuore.

Una persona è grande non nelle cose straordinarie che fa perchè dice San Paolo “Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna.
E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla.
E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova.
La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia,
non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità.
Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta.
La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno; il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà.
La nostra conoscenza è imperfetta e imperfetta la nostra profezia.
Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà.
Quand’ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto uomo, ciò che era da bambino l’ho abbandonato.
Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto.
Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità!
“.

Leggi di più:  Ninive, Nigeria, Nicaragua: il sangue dei martiri è il seme dei nuovi cristiani

Cosa aggiungere a queste parole?

Nella nostra società si vuole primeggiare, scavalcare l’altro o peggio ancora sotterrarlo.

Ci sono ruoli che per la loro grandezza straordinaria, sono anche ruoli in cui bisogna dimostrare ancor di più di essere servi fedeli di Dio:

Il Sacerdote nella sua umiltà deve stare vicino alle anime, raccogliere le pecorelle smarrite, prendendosi cura della loro anima;

Il Medico deve essere al servizio del paziente, incoraggiandolo, aiutandolo sia sulla fase medica che morale, a superare la prova della malattia, una prova che prima o poi, riguarderà tutti nessuno escluso;

Chi sono io per giudicare l’operato del fratello, se prima come dice Gesù non sono in grado di togliere la trave che sta sul mio occhio?

Preghiamo per il dono della carità e dell’umiltà, non si diventa Santi con la superbia anzi con quella si finisce dritti all’inferno. Anche Satana è superbo e prevaricatore!

Preghiamo affinchè anche noi come i Santi siamo in grado di protarci verso la vita eterna avendo due biglietti da visita: la carità e l’umiltà.

Rita Sberna

Articolo precedente“Il giovane se ne andò triste”
Articolo successivoEcco ciò che distingue i veri seguaci di Cristo
Avatar
Rita Sberna (Presidente)è nata nel 1989 a Catania. Nel 2012 ha prestato servizio di volontariato presso una radio sancataldese “Radio Amore”, lì nasce la trasmissione da lei condotta “Testimonianze di Fede”.Continua a condurre “Testimonianze di Fede” per la radio web di Don Roberto Fiscer “Radio Fra le note” con sede a Genova e per Cristiani Today in diretta Live.Nel 2014 ha scritto per il settimanale nazionale “Miracoli” e il mensile “Maria”.Nel 2013 esce il suo primo libro “Medjugorje l’amore di Maria” dedicato alla Regina della Pace e nel 2017 con l’associazione Cristiani Today pubblica il suo secondo libro “Il coraggio di aver Fede”. Inoltre su Cristiani Today scrive vari articoli legati alla cristianità e cura la conduzione web dei programmi Testimonianze di Fede e di Cristiani Today live.