Funzione spirituale e teologica della Santa Messa

Foto di David Mark da Pixabay

Funzione spirituale e teologica della Santa Messa

La maggior parte dei cristiani praticanti, la domenica e in altri giorni si recano in chiesa per partecipare alla Santa Messa. Ma davvero tutti sappiamo cosa significhi la “santa messa”? Quale mistero si cela dietro ad essa?

Forse no, ed è per questo che cercherò di dare qualche nozione spirituale e teologica, appresa dalla catechesi di Don Sebastiano, un sacerdote che ha avuto la bellissima idea di dedicare 4 venerdì del mese di giugno a tali catechesi.

Intanto dobbiamo sapere che i sacerdoti ordinati , cioè i presbiteri, compiono in persona Christi, cioè prestano i loro sensi e la loro materialità a Cristo Gesù. In Ogni loro azione e gesto durante la Santa Messa, c’è Gesù.

La messa è anche un insieme di azioni e gesti che richiamano la memoria di Cristo che si è sacrificato sulla Croce per noi. Ma che cos’è il sacrificio? La parola sacrifico non è una parola negativa ma indica il fatto di far diventare “sacro” qualcosa.

I sacerdoti sacrificano molte situazioni.

Nella messa avvengono delle cose straordinarie al punto da poter cambiare il mondo intero!

Ne citiamo qualcuna: intanto la regalità cristiana, ovvero essere verità, annunciare la verità come Gesù fece davanti a Ponzio Pilato, biaogna riconoscere che tutto quanto nel mondo viene da Dio ma attenzione, ovviamente tranne il male, quello è opera dell’uomo!

Poi possiamo anche parlare della profezia, cioè ogni discepolo che annuncia la parola di Dio può definirsi profeta. Noi siamo chiamati a testimoniare al mondo che siamo discepoli di Cristo. Siamo chiamati alla conversione (che avviene ogni giorno) cambiando la mentalità del mondo con la mentalità di Dio.

Leggi di più:  L’agnello, l’uovo, la colomba: perché a Pasqua li mangiamo?

In che modo partecipiamo alla Santa Messa?

Partecipare alla santa messa, significa viverla con gli stessi sentimenti di Cristo, bisogna essere dei coo-protagionisti. La partecipazione è un atto interno, ma ovviamente l’interiorità viene poi dimostrata con dei gesti e delle azioni esterne.

Dobbiamo individuare i sentimenti di Cristo per fare una buona partecipazione, sapendo che Gesù rende a suo Padre l’Onore e la Gloria che gli è dovuta.

Se facciamo caso ai testi liturgici usati per la celebrazione della messa, notiamo che quasi tutte le liturgue sono indirizzate a Dio Padre perchè il Centro è Lui.