I cattolici indiani sperano che una visita del Papa fermi la persecuzione anticristiana

pixabay

Un recente incontro tra papa Francesco e il primo ministro indiano Narendra Modi ha suscitato speranze tra i cattolici indiani sulla possibilità di una futura visita papale, che potrebbe aiutare a promuovere la libertà religiosa e l’uguaglianza di genere in una delle nazioni più grandi del mondo.

L’incontro del 30 ottobre tra il Papa e il primo ministro indiano è stato accolto con un sentimento di “gratitudine” dai cattolici che vivono in India, ha affermato Joseph Ivel Mendanha, superiore provinciale della Provincia redentorista della Majella in India, in un’intervista a Religion News Service . 

Mendanha ha definito l’incontro “un momento speciale per noi cattolici in India perché ci dà un grande senso di gioia e quasi con le lacrime agli occhi”. Ha aggiunto di sperare che Modi “sarà toccato dal sincero calore che papa Francesco trasuda sempre con chiunque incontra, in particolare capi di Stato e capi di governo”.

L’incontro tra Modi e papa Francesco è stato un po’ oscurato dall’incontro che il pontefice ha tenuto il giorno prima con il presidente Usa Joe Biden in Vaticano .

L’ultima volta che un primo ministro indiano ha incontrato un papa in Vaticano è stato nel giugno 2000, quando l’allora primo ministro Atal Bihari Vajpayee ha salutato papa Giovanni Paolo II. L’udienza papale con Modi è durata circa 50 minuti, ma sono state fornite poche informazioni su quali argomenti i due effettivamente affrontassero.

“Durante un breve colloquio sono stati discussi i cordiali rapporti tra la Santa Sede e l’India”, ha affermato la sala stampa vaticana in un breve comunicato diffuso poco dopo l’incontro. Modi ha regalato a papa Francesco un candeliere d’argento e un libro intitolato “The Climate Climb” che mostra l’impegno dell’India nella lotta ai cambiamenti climatici.

Papa Francesco ha donato in cambio una raccolta delle sue opere, incluso un documento che ha cofirmato con il Grande Imam di Al-Azhar nel febbraio 2019, che chiede tolleranza e pace tra le diverse religioni. Ha anche donato a Modi una targa in bronzo con la citazione di Isaia: “Il deserto diventerà un giardino”.

Modi era a Roma per partecipare al vertice del G20 dei leader delle superpotenze più forti del mondo e successivamente si è recato a Glasgow, in Scozia, per prendere parte alla conferenza COP26 sui cambiamenti climatici organizzata dalle Nazioni Unite dal 31 ottobre al 12 novembre.

Inizialmente era previsto che papa Francesco partecipasse al vertice sul clima, ma il Vaticano ha annunciato che avrebbe invece inviato una delegazione guidata dal suo braccio destro, il cardinale Pietro Parolin, che guida la  Segreteria di Stato in Vaticano.

In un tweet che  mostrava immagini sorridenti dell’udienza vaticana, Modi ha scritto di aver “avuto un incontro molto caloroso con papa Francesco” in cui hanno discusso di “una vasta gamma di questioni” e di aver invitato il pontefice romano a visitare l’India.

I cristiani rappresentano solo il 2,3% dell’1,3 miliardi di persone dell’India, con i cattolici che rappresentano circa l’1,5% della popolazione. 

 

Leggi di più:  Giornata per la Vita: 40 anni gioiosi e “controcorrente”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here