I miracoli più grandi della mia vita: la musica e la conversione della mia ragazza

I miracoli più grandi della mia vita: la musica e la conversione della mia ragazza

Intervista a Lorenzo Belluscio, giovane cantautore di musica cristiana che si avvale di un ricco curriculum artistico nonostante la sua giovane età.

Ha inciso vari cd, uno degli ultimi nel 2016 “Il cielo è dentro di noi” contenente 7 inediti di musica cristiana.

Tra i vari eventi ed iniziative che lo hanno coinvolto vi è la partecipazione alla GMG di Cracovia e il Progetto “Un CD per la Casa del Futuro di Amatrice” con il quale ha raccolto 19.560,96 euro per sostenere la costruzione di una struttura.

E’ in attesa di ripartire per il suo nuovo tour, non appena uscirà il suo nuovo album.

 

Come ti sei avvicinato alla Christian Music?

 Quasi 7 anni fa ho riflettuto sul senso che volevo dare alla mia musica. Cantavo e

registravo canzoni solo con prospettive “commerciali” e “discografiche”. Sentivo però

che la cosa che mi interessava di più era quella di arrivare con le mie canzoni al cuore

delle persone, lasciando loro qualcosa di positivo.

La svolta c’è stata con “Christmas”, un CD che ho inciso per aiutare alcune persone di

Vicenza colpite da distrofia muscolare. Mentre raccoglievo i fondi per questa iniziativa

ho toccato con mano il bene che la musica era in grado di generare. Mi sono

innamorato di questa musica e ho trovato nella Fede quei temi capaci di lanciare

sempre messaggi positivi a tutti coloro che avrebbero ascoltato le mie canzoni.

 

Nel 2014 arriva il tuo primo album di ispirazione cristiana dal titolo “Grazie di esistere” …

Leggi di più:  I suoi genitori l'hanno abbandonata in una discarica e lei li ha cercati per perdonarli

 Esatto. Tutte le track contenute in “Grazie di esistere” sono frutto di esperienze di vita

vissute direttamente da me o da persone che ho incontrato nel mio cammino.

Per esempio “Grazie di esistere”, la canzone che dà il titolo a questo CD, racconta la

storia di conversione di Alessia, la mia fidanzata.

“Ho una tremenda voglia di vivere di te”, è una canzone che vuole essere di supporto

per tutti quei ragazzi, per tutte quelle persone che credono di essere sole, che

credono di non avere una seconda possibilità, che credono di non farcela più a

risollevarsi. Dio è vicino anche e soprattutto in questi momenti. Con l’aiuto della

preghiera possiamo renderci conto di non essere mai soli, anzi, di essere parte di un

Progetto bellissimo di Amore che Dio vuole realizzare con noi…basta dire il nostro Sì

a Dio, fidarsi di Lui e permetterGli di entrare nel nostro cuore!

La 7a canzone del CD è dedicata ad una persona tanto cara a Vicenza che è stata

canonizzata da Papa Francesco un anno fa. “Il motore del mondo” infatti parla di San

Giovanni Antonio Farina, vescovo di Vicenza a partire dal 1860 e uomo di grande

generosità e di grande carità che ha saputo rivoluzionare in maniera estremamente

positiva il pensiero che molte persone del suo tempo avevano di fronte a tematiche

quali l’educazione dei bambini/e, il ruolo della donna nella società, l’aiuto ai bisognosi

ed ai più poveri.

 

Fai molti concerti – testimonianza insieme alla tua ragazza e con la tua band. Come reagiscono i giovani?

Abbiamo avuto la grazia in questi anni di conoscere e incontrare tantissimi ragazzi.

Leggi di più:  Noi musulmani amiamo Papa Francesco e l'Isis non fa parte del nostro mondo

Tutti rimangono un po’ stupiti quando ascoltano due ragazzi di 25-27 anni parlare di

come Dio ha trasformato le nostre vite. C’è tanta curiosità e ci fanno tante domande

e di questo siamo felici perché vuol dire che forse un pochino riusciamo a scuoterli.

 

Alessia non era credente inizialmente. Come vi siete conosciuti?

Ci siamo conosciuti paradossalmente in Parrocchia. Dico paradossalmente perché

Alessia non frequentava più la Parrocchia da molti anni ma, quella sera, di ritorno da

una partita di pallavolo, sentendo un gran baccano dal piazzale della Chiesa, decise di fermarsi per salutare alcuni suoi amici che sapeva essere ancora coinvolti nella vita parrocchiale. E lì ci siamo conosciuti.

Da lì è praticamente iniziato il nostro cammino insieme, un cammino che ha portato

Alessia a riscoprire la bellezza della Fede, la forza e la meraviglia della preghiera, il

senso della Vita e l’amicizia con Gesù.

Ho assistito al miracolo più bello che possa esistere, quello della conversione.

 

Siete stati in pellegrinaggio a Medjugorje. Quali sono stati i momenti più emozionanti che avete condiviso insieme?

Medjugorje per noi è un luogo davvero speciale.

Alessia decise di confessarsi dopo tanti anni proprio a Medjugorje. Fu per lei

un’esperienza stravolgente, in senso buono ovviamente.

Il ricordo più bello dei pellegrinaggi che abbiamo vissuto insieme a Medjugorje sono

senza dubbio le lacrime di gioia di Alessia davanti all’esposizione di Gesù Eucarestia.

Medjugorje è un albero che sta portando dei frutti enormi e bellissimi, frutti che sono

impossibili da non vedere. È davvero un luogo benedetto da Dio.

 

Leggi di più:  Valeria Altobelli: “A Medjugorje ho provato emozioni che non dimenticherò mai più”