Il bambino più prematuro del mondo è nato 3 settimane prima del limite di aborto nel Regno Unito

foto fonte Christian Today
Un bambino nato a 21 settimane e un giorno è stato confermato essere il bambino più prematuro del mondo.

Il Guinness World Records ha confermato  che Curtis Means, nato con 19 settimane di anticipo, è il bambino più prematuro al mondo sopravvissuto. È nato pesando meno di un chilo con sua sorella gemella C’Asya, che purtroppo è morta il giorno seguente.

Michelle Butler, sua madre, è entrata in travaglio il 4 luglio 2020 mentre i fuochi d’artificio del Giorno dell’Indipendenza riempivano il cielo notturno. L’ospedale ha affermato che in genere offre ai genitori l’opportunità di tenere in braccio i loro bambini piccoli per il poco tempo che dovrebbero trascorrere insieme.

Tuttavia, il piccolo Curtis si è aggrappato alla vita. Dato che era così sottosviluppato, ha dovuto stare in un ventilatore per i primi tre mesi della sua vita, ma dopo 275 giorni in ospedale, è stato in grado di essere portato a casa. I terapisti hanno dovuto aiutarlo a imparare a respirare ed a usare la bocca per mangiare.

La signora Butler, delle zone rurali di Eutaw, in Alabama, ha dichiarato: “Poter finalmente portare a casa Curtis e sorprendere i miei figli più grandi con il loro fratello minore è un momento che ricorderò per sempre”.

Curtis, che ora ha 16 mesi, ha ancora bisogno di ossigeno supplementare e di un sondino per l’alimentazione, ma per il resto è in buona salute.

Il dottor Brian Sims, neonatologo dell’Università dell’Alabama a Birmingham che ha supervisionato il parto, ha dichiarato al Guinness World Records: “Lo faccio da quasi 20 anni, ma non ho mai visto un bambino così giovane essere forte come lui. C’è qualcosa di speciale in Curtis.”

Nato prima del limite di aborto

Leggi di più:  Mark Zuckerberg dall'ateismo al cristianesimo

In un evento che sta diventando sempre più frequente, Curtis è nato quasi tre settimane prima del limite di aborto nel Regno Unito. Nell’ottobre dello scorso anno, in Scozia è nato un altro bambino gravemente prematuro,  quasi due settimane al di sotto del limite di aborto. Sofia Viktoria Birina pesava solo 500 grammi, ma a febbraio di quest’anno era abbastanza in salute da essere mandata a casa con i suoi genitori.

Baby Curtis e la piccola Sofia non sono le sole a essere nate così prematuramente e a sopravvivere. Uno studio  pubblicato nel Journal of the American Medical Association nell’ottobre 2019 ha seguito 2,56 milioni di bambini nati in Svezia tra il 1973 e il 1997, di cui circa il 6% sono nati prematuramente.

I ricercatori hanno confrontato i dati sulla salute dei bambini prematuri con quelli nati a termine. Hanno scoperto che il 55% dei bambini prematuri non aveva gravi problemi di salute cronici, fisici o mentali all’inizio dell’età adulta. Questo è rispetto al 63% per i bambini nati a termine.

Inoltre, ogni decennio che passa, le probabilità di sopravvivenza di un bambino prematuro fino all’età adulta sono migliorate da circa il 91% dei bambini nati negli anni ’70 a circa il 96% di quelli nati negli anni ’90.

La portavoce di Right To Life UK, Catherine Robinson, ha dichiarato: “Queste meravigliose storie di bambini prematuri che continuano a sopravvivere stanno diventando quasi un luogo comune. Quanto tempo impiegheranno i nostri legislatori a riesaminare le nostre crudeli leggi sull’aborto che consentono l’aborto anche nel momento in cui i bambini sono in grado di sopravvivere al di fuori dell’utero?

“Naturalmente, i bambini che non possono sopravvivere al di fuori dell’utero hanno la stessa dignità e lo stesso valore dei bambini che possono, e nemmeno le loro vite dovrebbero essere interrotte. Ma il fatto che sempre più bambini prematuri sopravvivano indebolisce una delle principali ragioni addotte per la nostra attuale legge sull’aborto”.

 

Leggi di più:  Ha salvato 300 bambini dall’aborto: la storia di Eugenia Scornavacca