Istanbul, aperta al culto islamico anche San Salvatore in Chora

San Salvatore in Chora Foto: muze.gov.tr

Si respirava già nell’aria nel mese di novembre scorso, quando il Consiglio di Stato aveva deciso che l’antica chiesa di San Salvatore in Chora, venisse riconsegnata al suo culto iniziale, cioè utilizzata come moschea.

La conferma è arrivata con un decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dopo essere passata dalla gestione del ministero del turismo a quello degli affari religiosi.

Recentemente anche Santa Sofia è diventata una moschea, non è una novità in Turchia. Nel 2011 anche la chiesa bizantina di Nicea che ospitò il Concilio che codificò il Credo, è tornata al culto islamico.

Negli ultimi anni, ad Istanbul sono state costruite numerose nuove moschee.

 

Leggi di più:  La Francia ha deciso di far rimouovere la Croce dalla statua di San Giovanni Paolo II