La morte di una persona cara lascia il segno; ecco come affrontarla

Foto di Pexels da Pixabay

Consigli spirituali su come affrontare il dolore della morte di una persona cara senza mai cadere nella disperazione.

 La morte fa parte del ciclo della vita di una persona, dobbiamo affrontarla tutti (ovviamente se si parla della morte di se stessi) ma è anche vero che tutti affronteremo la morte dei nostri cari, un momento che sicuramente provocherà tanto dolore. C’è chi già ha sperimentato tutto ciò, ed è per questo che bisogna essere pronti ad ogni evento soprattutto a quelli negativi.

Purtroppo molte persone a causa dei lutti subìti in famiglia, si allontanano da Dio, a volte, incolpando proprio Dio di non essere intervenuto e di non aver salvato quel parente. Più dolore subentra nel cuore e meno posto c’è per l’amore.

Ma ecco alcuni consigli spirituali che serviranno ad aiutare tutti coloro che vivono il dolore della morte altrui.

  1. Non perdere mai la speranza d’innanzi al dolore della morte

Se pensiamo agli apostoli, dopo che è morto Gesù, c’è stato un attimo che anche loro stessi stavano per perdere la speranza che Cristo veramente sarebbe risorto il terzo giorno. Eppure, gliel’aveva detto Gesù stesso prima di essere crocifisso! Gli apostoli se l’erano dimenticato per un attimo, perché quando la morte bussa alla tua porta, pensi umanamente che ormai credere in Dio non ha più senso. Niente di più sbagliato!

Ci arrendiamo davanti al dolore e alla sofferenza, pensando erroneamente che siano più forti dell’amore e della misericordia di Dio.

  1. Bisogna aprire il cuore all’amore e alla misericordia di Dio

Dobbiamo avere la consapevolezza che per raggiungere la gioia bisogna passare per la via della Croce come ha fatto Gesù. Ogni volta che rifiutiamo la croce ci allontaniamo dall’amore e non ci rendiamo conto che soffriamo di più.

Leggi di più:  Il significato del TAU francescano

Il cammino dell’amore comprende tutto il “pacchetto” completo, anche la croce!

Se abbiamo perso una persona cara non dobbiamo dimenticarci che Gesù ci ha espressamente detto che non finisce tutto con la morte ma che esiste una vita eterna per la nostra anima.

Anche se noi “vivi” restiamo sulla terra e non possiamo vedere momentaneamente chi è morto, abbiamo però la certezza che non è finito tutto per quella persona ma è iniziata una nuova vita, in un’altra dimensione che raggiungeremo prima o poi … tutti!

Preghiera per l’anima di una persona cara defunta

O Gesù, unica consolazione
nei momenti eterni di dolore, unica consolazione,
sostegno nel vuoto immenso che provoca
la morte delle persone care!

Tu, Signore, che i cieli, la terra e gli uomini
hanno visto piangere in giorni tristissimi,
Tu, Signore, che hai pianto
sull’onda del più tenero degli affetti
sul sepolcro di un amico prediletto.

Tu, o Gesù, che hai avuto compassione
del lutto di una famiglia lacerata
e dei cuori che in essa gemevano senza consolazione.
Tu, Padre pieno d’amore,
abbi pietà anche delle nostre lacrime.

Guardale, Signore, come sangue dell’anima addolorata
per la perdita di colui che è stato
debito amatissimo, amico fedele,
fervente cristiano.

Guardale, Signore, come sentito tributo
che ti offriamo per la sua anima,
perché la purifichi nel tuo sangue preziosissimo
e la porti quanto prima in cielo,
se ancora non gode di Te in esso!

Guardale, Signore, per darci
forza, pazienza, conformità al tuo volere divino
in questa tremenda prova che tortura l’anima!

Guardale, o dolce, o piissimo Gesù,
e attraverso di loro fa’ che
noi che qui sulla Terra abbiamo vissuto legati da fortissimi vincoli di affetto
e ora piangiamo l’assenza momentanea della persona cara
ci riuniamo di nuovo accanto a Te in Cielo,
per vivere eternamente uniti nel tuo Cuore.
Amen.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.