Le donne e le ragazze ucraine hanno paura della tratta di esseri umani

foto Cristian Today

Le donne e le ragazze in fuga dai combattimenti in Ucraina hanno paura di cadere vittime della tratta di esseri umani, ha avvertito un leader della carità cristiana.

James Vaughton, CEO di Transform Europe Network (TEN), è appena tornato da una visita in Romania dove ha incontrato i rifugiati ucraini.

Ha riferito di una diffusa paura della tratta di esseri umani tra donne e ragazze e di alti livelli di ansia tra gli adolescenti per il loro futuro.

Vaughton ha detto che i partner ten e i loro volontari stanno trascorrendo del tempo “considerevole” con i rifugiati per affrontare non solo i loro bisogni di salute, ma anche per “offrire rassicurazione e sicurezza”.

“Le donne e le ragazze si sentono molto vulnerabili – molte rimangono in casa nel loro alloggio temporaneo, non vogliono uscire”, ha detto.

“Ma il numero di ore che trascorrono in casa sta portando all’isolamento e alla solitudine.

“Si sentono molto vulnerabili e non si fidano degli uomini, quindi il sostegno della nostra chiesa partner ‘da donna a donna’ è vitale”.

TEN sta lavorando con le chiese locali per dare forniture mediche e sanitarie personali, cibo e alloggio ai rifugiati ucraini dopo aver raccolto oltre £ 120.000 in un appello di emergenza.

È il più grande appello di emergenza mai lanciato dall’ente di beneficenza nei suoi 55 anni di storia e ha anche contribuito a finanziare un mini-bus che trasporta i rifugiati verso i centri di elaborazione e le destinazioni successive.

“Quando ero in Romania, un pastore ucraino mi ha inviato un messaggio a uno dei nostri leader della Chiesa partner. Era un elenco di oggetti molto specifici di cui avevano bisogno per aiutare gli ucraini che erano fuggiti dalle loro città d’origine “, ha detto Voughton.

“Sono stato in grado di accompagnare il nostro contatto in farmacia e comprare medicine, e esattamente ciò che era necessario per quel gruppo e il giorno dopo, le merci sono state trasportate in Ucraina”.

Mentre era in Romania, Voughton ha incontrato un gruppo di giovani costretti a fuggire. Hanno condiviso le loro incertezze su dove stabilirsi e su che tipo di Ucraina torneranno quando la guerra sarà finita.

È una fase della vita normalmente piena di opportunità e possibilità e tuttavia, era stata negata loro”, ha detto Voughton.

“D’altra parte, loro, e i leader della carità che parlano con loro, sono molto consapevoli che se tutti i giovani istruiti lasciano l’Ucraina per sempre, ci sarà letteralmente una ‘fuga di cervelli’, negando l’Ucraina riformata di donne e uomini professionisti tanto necessari per ricostruire per il futuro.

“Devono prendere decisioni enormi sul loro futuro e sotto un’enorme pressione. I nostri volontari della chiesa partner escono con loro, ascoltano e cercano di dare loro tempo, spazio e un orecchio in ascolto”.

Molti rifugiati sono ospitati in alberghi e pensioni, ma con l’avvicinarsi delle festività natalizie, dovranno presto andarsene perché i proprietari fanno affidamento sul loro reddito estivo per tutto l’anno. Non è ancora chiaro dove andranno questi rifugiati, ha detto Voughton.

“È così difficile per noi metterci davvero nei panni di un rifugiato ucraino”, ha detto.

“Tante cose che diamo per scontate qui, come portare l’auto in garage, o andare dal dentista – o altre cose che accadono nella vita in cui abbiamo le risorse a portata di mano – non sono facilmente disponibili.

“Sono in un nuovo paese, con pochi o nessun denaro, e non parlano la lingua. Ciò crea molta ansia quotidiana, oltre a tutte le principali decisioni future e familiari che devono prendere. Per fortuna le nostre chiese partner possono aiutare, ma il bisogno è vasto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here