“Papa Francesco è la continuità dei papi straordinari che l’hanno preceduto ed i poveri ne sono la priorità”

“Papa Francesco è la continuità dei papi straordinari che l’hanno preceduto ed i poveri ne sono la priorità”

#Intervista al #cardinale Francesco #Montenegro che dal 2008 è arcivescovo di Agrigento.

Il Cardinale Montenegro, fra l’altro, Dal 13 aprile 2015 è membro del Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e dal 20 maggio 2015 ricopre il ruolo di presidente della Caritas Italiana. Abbiamo posto a lui, alcune domande che toccano dei temi e delle problematiche fondamentali come la #mafia, i #migranti e i #poveri. Il cardinale Montenegro ha poi parlato di Sua Santità Papa Francesco.

 

Lei è siciliano come me e vive in quest’isola molto ricca di arte ma c’è anche tanta storia e spiritualità. Com’è operare il Vangelo in una terra martoriata, soprattutto nel passato, anche dalla presenza della mafia?

Seminare il Vangelo non è facile ovunque, anche Gesù stesso nel Vangelo ce lo dice; però in una terra povera ed anche offesa dalla presenza della mafia riproporre la novità del vangelo è sempre un’impresa un po’ ardua perché si tratta di riproporre stili diversi di vita e modi diversi di convivenza. Tutto questo diventa interessante proprio perché l’avventura del Vangelo è sempre un’avventura che vale la pena vivere pienamente.

 

Lei pensa che la mafia abbia ostacolato lo sviluppo in Sicilia?

Penso di si, perché l’interesse della mafia è quello di mantenere la povertà e mantenere la sudditanza per cui non permette che ci si alzi la testa e questo significa “dipendenza” quella dipendenza che a volte non ti permette di disporre della tua vita come vorresti.

 

Ma la Sicilia è anche terra di migranti, ed essendo membro del consiglio pontifico per la pastorale per i migranti, conosce bene la situazione.

Leggi di più:  Firmato uno storico accordo tra Vaticano e Cina, adesso cambierà tutto

Più volte il Papa, si è espresso in merito alla questione dei migranti facendo l’invito ad accoglierli a braccia aperte. Molti però si chiedono: fino a quando accoglierli?

Il Papa dice di accoglierli a braccia aperte ma anche con una certa intelligenza, perché non basta togliere le persone dall’acqua del mare e salvarle ma anche permettergli di vivere; per questo, ci vuole l’impegno di tanti e di tutti perché chi si trova in questo stato di necessità possa trovare la possibilità di vivere la propria vita con dignità.

E’ chiaro che la gente che scappa da quelle terre, lo fa per via della guerra o per la persecuzione ma molti, stanno scappando perché non hanno da mangiare e non hanno da bere.

Allora non possiamo lasciar morire un uomo solo perché si ha paura di stare un po’ più stretti. D’altra parte anche gli immigrati che arrivano nella nostra terra, non tutti hanno intenzione di fermarsi qui.

Hanno voglia di andare altrove perché già hanno familiari e amici, l’Europa sta dimostrando di non essere davvero capace di affrontare un problema che potrebbe anche metterla in crisi.

 

Quali difficoltà ci sono di integrazione tra i siciliani (in questo caso) e i migranti?

Se integrazione significa che l’immigrato deve rassomigliare a noi, questo non sarà mai possibile perché l’integrazione dipende da tutti e due, noi stare vicino a loro e loro stare vicini a noi. Ognuno, quindi, deve pagare il prezzo per la convivenza.

Oggi non possiamo pensare che noi siamo l’unica civiltà, ci stiamo incontrando con altre civiltà ed il problema che esiste in Sicilia è che essendo una terra povera, si possa arrivare alla lotta tra poveri ma invece il Papa dice che il povero non è solo un problema ma potrebbe essere una ricchezza e dovremmo essere capaci di scoprire il positivo che loro portano, mettere in comune il nostro ed avanzare insieme.

Leggi di più:  Mons. D'Ercole: "Nulla sarà più come prima dopo il Coronavirus"

 

E’ vero che quando venne nominato Cardinale da Papa Francesco, per Lei è stato come qualcosa di inaspettato e sorprendente?

Si è vero, non lo sapevo e non c’erano stati segnali che preannunziavano questa nomina. Infatti, l’ho saputo in ritardo, dopo mezz’ora perché stavo dicendo messa in un paese. La cosa mi ha meravigliato molto perché non riuscivo a capire il motivo ma il Papa nella sua generosità mi ha spiegato che si tratta solo di un servizio e non di una promozione ma di un servizio da dover vivere poveramente.

Questo mi ha rasserenato e vado avanti nello svolgere quello che mi viene chiesto.