Papa Francesco “La messa non è uno spettacolo da fotografare”

Papa Francesco

Continua il ciclo di #catechesi sulla #santamessa di #PapaFrancesco che puntualmente ogni mercoledì, all’udienza generale in piazza San Pietro propone.

Lo aveva fatto anche le volte precedenti, ma questa mattina è ritornato a ribadire apertamente: «La Messa è rifare il Calvario, non è uno spettacolo, dobbiamo invece ricordarci, che andare a Messa è partecipare alla morte, alla resurrezione e alla ascensione di Gesù. Con l’immaginazione dobbiamo pensare di andare al Calvario. Ci permetteremo di chiacchierare, di prendere fotografie, di fare un po’ lo spettacolo? No, perché è Gesù. Noi di sicuro staremmo nel silenzio, nel pianto e anche nella gioia di essere salvati. Quando noi entriamo nella chiesa per celebrare la Messa pensiamo a questo: entro al Calvario dove Gesù ha dato la vita per me e così sparisce lo spettacolo».

La Messa, ci dice il Papa, «ci rende partecipi della vittoria di Cristo sul peccato e la morte, e dà significato pieno alla nostra vita». Per comprendere questo dobbiamo capire cosa significa «memoriale». Non si tratta di un semplice ricordo delle cose passate, ma un rendere quelle cose vive e presenti a noi oggi. «Proprio così Israele intende la sua liberazione dall’Egitto: ogni volta che viene celebrata la Pasqua, gli avvenimenti dell’Esodo sono resi presenti alla memoria dei credenti affinché conformino ad essi la propria vita. Gesù Cristo, con la sua passione, morte, risurrezione e ascensione al cielo ha portato a compimento la Pasqua. E la Messa è il memoriale della sua Pasqua, del suo “esodo”, che ha compiuto per noi, per farci uscire dalla schiavitù e introdurci nella terra promessa della vita eterna».

Leggi di più:  Papa Francesco negli Emirati Arabi: "La fratellanza umana e l'impegno"

Per questo è importante partecipare alla Messa, soprattutto la domenica. Perché questo «significa entrare nella vittoria del Risorto, essere illuminati dalla sua luce, riscaldati dal suo calore. Attraverso la celebrazione eucaristica lo Spirito Santo ci rende partecipi della vita divina che è capace di trasfigurare tutto il nostro essere mortale. E, nel suo passaggio dalla morte alla vita, dal tempo all’eternità, il Signore Gesù trascina anche noi con Lui a fare Pasqua. Nella Messa si fa Pasqua, nella messa noi stiamo con Gesù morto e risorto e lui ci trascina davanti alla vita eterna. Nella messa ci uniamo a Lui. Anzi, Cristo vive in noi e noi viviamo in Lui».

In conclusione il Papa ha aggiunto: Siamo liberati dalla morte e dalla paura della morte. Gesù, ci libera non solo dal dominio della morte fisica, ma dalla morte spirituale che è il male, il peccato, che ci prende ogni volta che cadiamo vittime del peccato nostro o altrui. E allora la nostra vita viene inquinata, perde bellezza, perde significato, sfiorisce.