Papa Francesco: “Le false accuse per invidia sono veleno mortale”

 

Nel vangelo di oggi, un gruppo di scribi accusa Gesù di essere posseduto da Satana.

 

Papa Francesco : Dio liberi l’uomo da questa tremenda tentazione di distruggere l’altra persona. Cristo ha creato una nuova famiglia basata solo sull’amore che ci unisce tra noi con l’aiuto dello Spirito Santo.

Gli scribi, un gruppo di “chiaccheroni” come li definisce Papa Francesco cercano di screditare Gesu’ e lo accusano di essere posseduto da Belzebul e di scacciare i demoni per mezzo del capo stesso dei demoni. Gesu’ reagisce subito e con parole forti e chiare avvisa gli scribi che stanno cadendo nel peccato piu’ grave che si possa compiere : La bestemmia contro lo Spirito Santo.

Può capitare ci dice Papa Francesco, che una forte invidia per la bontà e le opere buone di una persona ci porti ad accusarla falsamente. Qui è presente un vero e proprio veleno mortale : la malizia con la quale una persona vuole distruggere un’altra persona.

E se esaminando la nostra coscienza ci accorgiamo che questa malizia sta crescendo dentro di noi, andiamo subito a confessarlo, prima che si sviluppi e produca effetti malvagi : distruzione delle famiglie, amicizie e societa’ stessa.

La seconda incomprensione di cui ci parla l’evangelista Marco nel suo vangelo è quella dei familiari di Gesù, che sono preoccupati per la sua nuova vita itinerante che a loro sembra una vera pazzia. Papa Francesco ci dice che Gesu’ per guarire malati e peccatori, non aveva neanche il tempo di mangiare. Gesu’ da piu’ importanza alla gente.

I familiari decidono allora di riportarlo a Nazareth e appena arrivato lo mandano subito a chiamare. Alle parole “tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano”, Cristo risponde: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?” “Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre”.

Leggi di più:  Il Vaticano disegna un programma per scomunicare la mafia

Gesù ha formato una nuova famiglia, non più basata sui legami naturali, ma sulla fede in Lui, sul suo amore che ci accoglie e ci unisce tra noi, nello Spirito Santo. Tutti coloro che accolgono la parola di Gesù sono figli di Dio e fratelli tra di loro. Sparlare degli altri ci fa delle famiglia del diavolo.

La risposta di Gesu’ conclude Papa Francesco non e’ una mancanza verso la figura di Maria. Anzi, per Maria è il più grande riconoscimento, perché proprio lei è la perfetta discepola che ha obbedito in tutto alla volontà di Dio”. Ci aiuti la Vergine a vivere sempre in comunione con Gesù.

Emanuele Maida