Papa Francesco: non tornare indietro

insieme, condurre, mano
pixabay.com

La trasmissione della fede avviene attraverso la narrazione della propria esperienza. Così fece San Paolo con i destinatari dei suoi scritti. Papa Francesco, continuando il ciclo delle catechesi sulla Lettera ai Galati ci propone oggi un brano che costituisce il passaggio tra il racconto personale di Paolo e l’appello forte rivolto direttamente ai destinatari.

Oggi continuiamo la lettura del testo proposto e ci rendiamo conto che Paolo non usa più toni dolci o rassicuranti. Dice in modo generico “Galati” e per ben due volte li chiama “stolti”, che non è un termine di cortesia. Stolti, insensati e tante cose può dire … Lo fa non perché non siano intelligenti, ma perché, quasi senza accorgersene, rischiano di perdere la fede in Cristo che hanno accolto con tanto entusiasmo. Sono stolti perché non si rendono conto che il pericolo è quello di perdere il tesoro prezioso, la bellezza della novità di Cristo.

Questo è talmente pressante per Paolo, che egli vuole scuotere le loro coscienze: per questo è così forte. Si tratta di interrogativi retorici, perché i Galati sanno benissimo che la loro venuta alla fede in Cristo è frutto della grazia ricevuta con la predicazione del Vangelo. Li porta all’inizio della vocazione cristiana. Occorre tornare all’evento della salvezza, l’unico su cui fissare il proprio sguardo. Perché loro, questi predicatori nuovi che sono arrivati lì in Galazia, li hanno convinti che dovevano andare indietro e prendere anche i precetti che si osservavano e che portavano alla perfezione prima della venuta di Cristo, che è la gratuità della salvezza.

Rimedio? Tornare all’esperienza fatta dell’azione dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo era stato il protagonista della loro esperienza; metterlo ora in secondo piano per dare il primato alle proprie opere – cioè al compimento dei precetti della Legge – sarebbe stato da insensati. La santità viene dallo Spirito Santo e che è la gratuità della redenzione di Gesù: questo ci giustifica – ci dice il Papa.

Leggi di più:  Papa Francesco: "Il rimedio per la pandemia è la corona del rosario"

Come sempre, prendendo spunto dalla vicenda dei Galati, arrivano anche domande per noi, che siamo lontani dalla loro esperienza, ma a quanto pare solo nel tempo. San Paolo invita anche noi a riflettere: come viviamo la fede? L’amore di Cristo crocifisso e risorto rimane al centro della nostra vita quotidiana come fonte di salvezza, oppure ci accontentiamo di qualche formalità religiosa per metterci la coscienza a posto? Come viviamo la fede, noi? Siamo attaccati al tesoro prezioso, alla bellezza della novità di Cristo, oppure gli preferiamo qualcosa che al momento ci attira ma poi ci lascia il vuoto dentro?  

E il Santo Padre conclude con un incoraggiamento: Dio non ci abbandona ma rimane con noi col suo amore misericordioso. Dio sempre è vicino a noi con la sua bontà. È come quel padre che tutti i giorni saliva sul terrazzo per vedere se tornava il figlio: l’amore del Padre non si stanca di noi. Domandiamo la saggezza di accorgerci sempre di questa realtà e di mandare via i fondamentalisti che ci propongono una vita di ascesi artificiale, lontana dalla resurrezione di Cristo. L’ascesi è necessaria, ma l’ascesi saggia, non artificiale.