Quello che abbiamo imparato sulla verità durante la pandemia

pixabay

Il mondo sta affrontando una crisi di verità, afferma l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby. È una dichiarazione che risuona molto, viste le conseguenze che stanno affrontando molte persone.

Le parole dell’arcivescovo Welby arrivano mentre la verità rimane sotto i riflettori durante i lunghi mesi della pandemia. Le affermazioni e le controdeduzioni sul virus, i vaccini e l’efficacia delle risposte del governo sono al centro della scena a livello globale.

Welby ha confrontato le sfide attuali con il rivoluzionario Beveridge Report del 1942 che ha dato origine allo stato sociale del Regno Unito del dopoguerra. Quel rapporto identificava cinque problemi principali che impedivano il miglioramento del tenore di vita: “desiderio, ignoranza, squallore, ozio e malattia”.

L’arcivescovo ha dichiarato alla rivista Prospect : “In realtà affrontiamo una crisi. Informazioni apparentemente infinite e immediatamente accessibili danno al problema un aspetto diverso dell'”ignoranza” dei tempi di Beveridge. Ma la verità può comunque essere molto difficile da definire. Le teorie della cospirazione possono fare il giro del mondo, la disinformazione causa ripercussioni nel mondo reale. Dobbiamo imparare a giudicare le informazioni che riceviamo, pensare in modo critico e gentile e agire di conseguenza”.

… “A volte ci siamo posti la domanda: “Cosa puoi ottenere, di fronte ad un’ondata di sfiducia, notizie false e disinformazione?” La nostra risposta è semplice. Stiamo cercando di mantenere viva la conversazione, per sollevare domande sul ruolo della verità nella nostra società, per sostenerne il suo valore e dare spazio alle persone, per potere risolvere i loro problemi.”

I coordinatori del progetto sono di fede cristiana, e seguono gli insegnamenti di Gesù Cristo che ha detto “Io sono la via, la verità e la vita”  e “conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”. Abbiamo accolto e abbracciato il coinvolgimento di credenti ebrei e musulmani e di persone che non appartengono a nessun credo.

Una domanda vitale è “com’ è andata la verità durante la pandemia?”

La verità può salvarti la vita

Conoscere la verità sul virus Covid-19 e sui vaccini che potrebbero sconfiggerlo è diventato un vero e proprio dibattito durante la pandemia, tra il consiglio di scienziati, professionisti della salute e ricercatori, tutto questo mentre la pandemia ha attraversato il mondo.

Abbiamo anche assistito ad un aumento delle teorie del complotto, delle campagne anti-vaccinazione e della crescente confusione mentre le persone sfidano l’entità della pandemia.

Abbiamo visto un aumento delle persone che vogliono conoscere la verità. Il vaccino è sicuro? Le statistiche sono accurate? Quante probabilità ho di prendere il covid? L’idea postmoderna che tutta la verità sia relativa è molto lontana dal segno quando la verità può salvarti la vita.

La verità viene dalla fiducia

Sapere di chi fidarsi è una delle sfide di più rapida crescita che affronta chiunque voglia saperne di più sulla pandemia e le sue cause.

Mentre la fiducia nei medici e negli scienziati è generalmente alta, la fiducia nei politici è rimasta bassa e lo scetticismo e la confusione sta crescendo tutt’oggi.

La verità può essere  a portata di mano, ma non è sempre affidabile

Le informazioni locali sono diventate più importanti, soprattutto durante i blocchi. Ma con i giornali e le radio locali in declino, i social network di quartiere hanno preso il loro posto, diffondendo informazioni, non tutte verificabili e talvolta errate. Un osservatore dei social media ha commentato: “Facciamo le nostre verità condividendo le nostre esperienze”.

Spesso è la paura che guida la nostra risposta alle storie che leggiamo. Consumiamo avidamente storie che mettono in evidenza una nuova “minaccia” da Covid o persone che non si attengono alle regole di blocco del capro espiatorio. Rispondiamo emotivamente, ‘con il nostro istinto’ – piuttosto che con il nostro cervello o intelletto – alle cose che leggiamo o che ci vengono dette.

La verità va valorizzata e protetta

Il vero giornalismo deve essere “affidabile” agli occhi dei lettori. La giornalista di ITV News Julie Etchingham ha difeso il ruolo dei media  durante il Covid-19. Il presentatore del notiziario, un cattolico romano praticante, ha spiegato: “Se stiamo ancora cercando di funzionare come una democrazia di fronte a questo, allora il controllo è chiaramente cruciale. Molti dei nostri servizi in prima linea e il pubblico più ampio chiedono risposte. Noi siamo lì per loro”.

Leggi di più:  Il Vietnam ha un sistema "antivirus": in 100 milioni di abitanti, solo 328 positivi