“Solo l’amore resta” lo spettacolo di Vincenzo Bocciarelli

“Solo l’amore resta” lo spettacolo di Vincenzo Bocciarelli

“Solo l’amore resta” lo spettacolo di Vincenzo Bocciarelli

Intervista esclusiva all’attore Vincenzo Bocciarelli, interprete di molti ruoli in numerose fiction italiane come “Il bello delle donne; Incantesimo; Orgoglio; Pompei…”.

L’abbiamo visto anche al cinema nel film “L’Inchiesta” ed insieme all’attore Christian De Sica, nel film “ La scuola più bella del mondo”.

Bocciarelli è felicemente fidanzato con l’attrice Claudia Conte ed insieme, portano in scena uno spettacolo dedicato all’amore dal titolo “Solo l’amore resta”.

Vincenzo è legato alla fede e condivide la preghiera e i sacramenti con la sua compagna.

A seguire l’intervista.

Cosa intenti per amore?

L’amore è una parola meravigliosa e racchiude tutto, è quella famosa biglia di cui parlava San Tommaso D’Aquino, nel magnifico gioco della creazione, dell’esistenza e dell’amore.

Per amore si fa tutto e si dà vita alle cose più belle, alle passioni più profonde e più intense come quella che conosciamo noi artisti, cioè il fare ed il creare.

E’ tutto una grandissima forma di amore che si riflette anche nelle nostre vite quotidiane, ascoltando gli altri e cercando di vivere il presente.

Spesso siamo presi dall’ansia di ciò che accadrà anche l’attimo dopo, e non ci abbandoniamo all’ascolto e alla compenetrazione col prossimo che è alla base di tutto per poter vivere con amore la propria esistenza.

 Quanto conta l’amore nella tua vita?

Non avrei mai pensato che dopo circa vent’anni di carriera e di ricerca della conoscenza di me stesso anche attraverso il teatro, la poesia, la letteratura e la parola, avessi incontrato in un momento di passaggio della mia esistenza, l’amore.

A volte ci si autosuggestiona credendo di aver trovato l’amore, a qualcuno capita di giungere alla fine della propria vita, senza aver provato mai questo sentimento, è tutto un mistero.

Quello che sto facendo in questo momento della mia vita, è far riflettere la luce dell’amore divino in tutto ciò che faccio e che vivo in questa dimensione terrena.

Cerco di vivere in maniera più coerente e più onesta possibile, l’ amore che sto sperimentando, prendendo esempio dalla parola del Vangelo e da ciò che tutte le domeniche cerco di attingere dalla luce dello Spirito Santo. Vado a ricaricarmi alla Santa Messa domenicale, in quel momento scarico tutto e quando mi abbandono alla preghiera e al dialogo con Dio, esco dalla chiesa ricaricato ed è bellissimo condividere tutto questo con la persona amata.