“Sono stato salvato dalla preghiera e da Carlo Acutis”

Un adolescente dopo un incidente si riprende in maniera miracolosa. Sia il parroco che la famiglia avevano chiesto la grazia al beato Carlo Acutis.

Daniele ha 15 anni, lo scorso 22 maggio è stato investito da un auto. Le sue condizioni sono apparse subito disperate, ci voleva un vero e proprio miracolo. Grazie a Dio, Daniele, oggi sta bene e si prepara per l’esame di terza media.

Il giorno dell’Assunta lo ha detto lui stesso in parrocchia, dal pulpito della chiesa dove si trova il suo parroco don Francesco Buono.

Daniele ha lanciato un messaggio di speranza ed ha ricordato le figure a cui la famiglia si è rivolta per la grazia: il beato Carlo Acutis e Giampiero Morettini (seminarista umbro per il quale è in corso la beatificazione).

Queste le parole di Daniele in chiesa: “Ringrazio il Signore per la grazia che mi ha fatto perché il 22 maggio sembravo in fin di vita, per un mese sono stato in rianimazione. A Foligno, durante la riabilitazione, i dottori dicevano che ci sarebbero voluti mesi per tornare a camminare. Dicevano che forse sarei uscito dall’ospedale a settembre. Poi però hanno visto i miei miglioramenti, incredibili e inspiegabili. Un medico commentò che doveva trattarsi di un intervento dall’alto… Io pregavo e mi preparavo per gli esami perché la mia testa funzionava bene. Mi rivolgevo a Carlo Acutis perché il Signore mi guarisse. Ringrazio gli amici, la mia famiglia e don Francesco, so che avete pregato tanto per me”.

Daniele Giglio è uscito dall’ospedale nei primi di agosto, adesso si prepara per gli esami di terza media, don Francesco racconta: “Durante il delicato intervento chirurgico siamo andati in processione. Al termine la buona notizia: Daniele aveva superato l’operazione. Da lì un’ondata di affetto e preghiera, dalla Terra Santa all’Argentina. Ognuno ha le proprie idee. Miracolo o meno, Carlo Acutis ci ha insegnato che la vita è un dono. Dio non sbaglia, diceva Morettini, c’è sempre un disegno dietro”.

Preghiera a Carlo Acutis per chiedere una grazia

O Padre,

che ci hai donato la testimonianza ardente,

del giovane Servo di Dio Carlo Acutis,

che dell’Eucaristia fece il centro della sua vita

e la forza del suo quotidiano impegno

perchè anche gli altri Ti amassero sopra ogni cosa,

fa’ che possa essere presto

annoverato tra i Beati e i Santi della Tua Chiesa.

Conferma la mia Fede,

alimenta la mia Speranza,

rinvigorisci la mia Carità,

a immagine del giovane Carlo,

che, crescendo in queste virtù,

ora vive presso di Te.

Concedimi la grazia di cui tanto ho bisogno…

Confido in Te, Padre,

e nel Tuo amatissimo Figlio Gesù,

in Maria Vergine, nostra dolcissima Madre,

e nell’intercessione del Tuo Servo Carlo Acutis.

Amen

Pater, Ave, Gloria

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna

Articolo precedenteAlcuni consigli per vincere l’accidia e la malinconia
Articolo successivoIl Redentore a Guadagnolo
Rita Sberna (Presidente)è nata nel 1989 a Catania. Nel 2012 ha prestato servizio di volontariato presso una radio sancataldese “Radio Amore”, lì nasce la trasmissione da lei condotta “Testimonianze di Fede”.Continua a condurre “Testimonianze di Fede” per la radio web di Don Roberto Fiscer “Radio Fra le note” con sede a Genova e per Cristiani Today in diretta Live.Nel 2014 ha scritto per il settimanale nazionale “Miracoli” e il mensile “Maria”.Nel 2013 esce il suo primo libro “Medjugorje l’amore di Maria” dedicato alla Regina della Pace e nel 2017 con l’associazione Cristiani Today pubblica il suo secondo libro “Il coraggio di aver Fede”. Inoltre su Cristiani Today scrive vari articoli legati alla cristianità e cura la conduzione web dei programmi Testimonianze di Fede e di Cristiani Today live.