Un parroco di Barrafranca additato per aver detto che la famiglia è un uomo e una donna

foto da pixabay

Per raccontare quanto accaduto al parroco di Barrafranca, don Salvatore, riporterò le parole del senatore Simone Pillon scritte nella sua pagina facebook, attraverso le quali mostra solidarietà a don Salvatore.

“Il parroco di un paesino in provincia di Enna, nella sua chiesa, durante la messa della Santa Famiglia ha osato dire che “La famiglia è fondata dal matrimonio tra un uomo e una donna. Ogni altro tipo di unione, è contronatura. Oggi si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi”.
Il suo era un chiaro riferimento a san Paolo che nelle sue epistole ha scritto testualmente “hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura” (Rom 1, 26) e “si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi” (Fil 3, 19).
In altre parole, un sacerdote, in una chiesa, durante la messa dedicata alla Santa Famiglia, ha citato san Paolo.
Risultato?
Qualcuno si è fatto un esame di coscienza? No!
Il buon sacerdote è finito su Repubblica e su molti altri siti LGBT, attaccato e insultato come pericoloso omofobo, con buona pace della libertà religiosa…
Tutta la mia solidarietà a don Salvatore, colpevole di aver citato il Nuovo Testamento in una chiesa cattolica.
Questo accade oggi. Pensate cosa succederà domani se la legge Zan entrerà in vigore.”

Leggi di più:  Due gemelle siamesi in Tanzania, entrano all'università