Un sondaggio rivela che ci sono giovani che non hanno mai partecipato ad una funzione religiosa

pixabay

Un nuovo sondaggio rivela che quasi il 30% degli studenti delle scuole superiori e dei college “non” ha mai partecipato alle celebrazioni religiose anche prima che la pandemia di coronavirus iniziasse e provocasse la cessazione delle funzioni religiose in molte chiese.

La Young America’s Foundation, un’organizzazione conservatrice per la difesa dei giovani, ha pubblicato  mercoledì scorso un  sondaggio chiedendo ai giovani americani le loro opinioni su varie questioni, tra cui tasse, economia, debito studentesco, coronavirus, istruzione e le figure politiche più importanti del paese.

Il sondaggio, pubblicato in collaborazione con Townhall, è stato condotto da Echelon Insights. Un totale di 801 studenti delle scuole superiori e 819 studenti post-secondari di età compresa tra 13 e 24 anni sono stati intervistati online dal 30 marzo al 7 aprile.

Il sondaggio ha chiesto agli intervistati: “Prima della pandemia COVID-19, con che frequenza partecipavi di solito ad una funzione religiosa?”

Complessivamente, il 27% degli intervistati ha affermato di “non ver mai” partecipato a una funzione religiosa. Tra gli studenti delle scuole superiori, il 26% ha dichiarato di non aver mai frequentato una funzione religiosa.

Quasi un quarto (24%) dei giovani americani ha dichiarato di frequentare le funzioni religiose almeno una volta alla settimana, compreso il 28% degli studenti delle scuole superiori. Tuttavia, la frequenza religiosa settimanale è evidentemente più bassa tra gli studenti post-liceo (19%).

Circa il 14% degli intervistati ha affermato di frequentare la chiesa “una o due volte” al mese: il 12% degli studenti delle scuole superiori e il 16% degli studenti delle scuole superiori.

Nel frattempo, il 15% ha riferito di partecipare alle funzioni religiose “poche volte all’anno”, mentre il 12% ha affermato di partecipare alle funzioni religiose solo durante le festività religiose.

L’8% degli intervistati ha preferito non rivelare la propria frequenza di frequenza religiosa.

Tra gli studenti delle scuole superiori, il 15% ha dichiarato di frequentare le funzioni religiose alcune volte all’anno, il 10% ha riferito di frequentare le funzioni religiose solo durante le festività religiose e il 9% ha preferito non dirlo. Il 15% degli studenti post-liceo ha affermato di frequentare le funzioni religiose alcune volte all’anno, mentre il 14% ha dichiarato di frequentare solo le festività religiose e il 9% ha preferito non dirlo.

Inoltre, quasi la metà degli intervistati (48%) ha rifiutato di identificarsi con una particolare religione. Circa il 16% ha risposto che “preferisce non dire” quando gli viene chiesto di descrivere la propria religione, il 15% ha indicato la propria religione come “qualcos’altro”, il 10% si è identificato come ateo e il 7% si è descritto come agnostico.

Una pluralità di giovani americani intervistati si è identificata come cattolica (23%), seguita dal 14% che si è descritto come evangelico protestante / cristiano rinato e dal 6% che ha affermato di appartenere alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Solo il 4% si è identificato come ebreo. Piccole minoranze di intervistati si sono descritte come protestanti principali (3%) o musulmani (2%).

In un’intervista con The Christian Post, la portavoce della YAF Kara Zupkus ha attribuito i bassi tassi di partecipazione religiosa tra i giovani americani a “una tendenza nella nostra cultura” in cui “molti giovani oggi giorno stanno … idolatrando la cultura pop … [e] politici.”

“Quindi, non hanno davvero bisogno di trovare, dal loro punto di vista, un posto dove possono adorare un Dio”, ha affermato Zupkus.

Descrivendo la tendenza come “preoccupante”, Zupkus ha avvertito che può portare “i giovani a dipendere maggiormente dal loro governo per prendersi cura di loro” invece delle loro chiese e comunità locali.

Alla domanda su come invertire la tendenza dei giovani americani a non andare mai in chiesa, Zupkus ha suggerito che “molto deve iniziare in famiglia”.

“Penso che sia importante per i genitori insegnare ai loro figli l’importanza della religione, per formare una buona e sana comunità. Credo sia importante per i bambini essere esposti a questo, in giovane età. E penso che questo sia un buon modo per potere ribaltare la situazione “, ha affermato Zupkus.

Leggi di più:  I giovani, la fede e il discernimento con Padre Gonzalo Miranda