Una madre che prega per l’assassino della propria figlia affinchè Dio abbia pietà di lui

((Photo: Town of Frederick, Colorado))

Un uomo del Colorado è stato accusato di aver ucciso sua moglie e le due sue figlie, lo stesso uomo ha ascoltato le testimonianze strazianti dalla famiglia delle sue vittime mentre veniva condannato all’ergastolo per la loro morte.

Chris Watts è stato dichiarato colpevole di aver ucciso Shanann Watts e le loro figlie Bella, 4 anni, e Celeste, 3 anni. È stato anche ritenuto colpevole dell’uccisione illegale di un nascituro poiché Shannan Watts era incinta di 15 settimane al momento della sua morte ad agosto.

Watts aveva inizialmente affermato che la sua famiglia era scomparsa e persino aveva fatto appello ai media per il loro ritorno in sicurezza.

Tuttavia, ha cambiato la versione dei fatti quando i loro corpi sono stati scoperti tre giorni dopo la presunta scomparsa e ha affermato di aver ucciso sua moglie in un impeto di rabbia dopo averla vista soffocare Celeste.

La famiglia di Shanann Watt era in tribunale per la sentenza lunedì scorso, con l’assassino della propria figlia, hanno condiviso il loro dolore attraverso delle dichiarazioni commoventi.

Suo padre Frank Rzucek ha detto che  Chris Watts li aveva “portati fuori come spazzatura”.

«Mi fidavo che ti prendessi cura di loro, non che li uccidessi. E si fidavano anche di te “, ha detto, prima di aggiungere:” Mi disgusti “.

Sua madre Sandra Rzucek ha affermato che stava pregando per la guarigione della sua famiglia dopo il loro calvario. Ha anche detto che stava pregando per Chris Watts, che ha confessato di averlo amato “come un figlio”.

“Ci fidavamo di te,” ha dichiarato. «La tua fedele moglie si è fidata di te. I tuoi figli ti adoravano. Non volevo la morte per te perché non è un mio diritto”, ha aggiunto.

Leggi di più:  Un bambino esce dal coma grazie ad una lode alla Madonna

“La tua vita è tra te e Dio e prego che abbia pietà di te.”

Ha detto che la famiglia “non avrebbe mai superato” la morte della figlia e dei nipoti.

‘Sto ancora lottando per capire come e perché sia ​​avvenuta questa tragedia. Forse non sarò mai in grado di capirlo e accettarlo, ma prego per la pace e la guarigione per tutti noi “, ha detto la madre della vittima.

Sono le parole di una mamma straziata dal dolore, parole di sofferenza e non di odio verso chi le ha portato via la figlia e le sue nipoti. Soltanto una grande fede può fare reagire così una madre a cui è stata negata la figlia. Il non provare odio per l’assassino ma pregare per la sua guarigione è solo un miracolo vivente che alberga nei cuori di chi veramente si lascia guidare da Dio soprattutto in queste situazioni difficili.