24 mila bambini salvati in 25 anni grazie al progetto Gemma

Vita Nascita
CC0 Pixabay

Esiste da 25 anni l’iniziativa di adozione prenatale

 Le motivazioni per sostenere la nascita di un bambino sono migliaia e sono infinite, e ad aderire all’adozione prenatale sono gruppi del catechismo, interi condomini, consigli comunali, neosposi, famiglie e qualche mese fa anche un gruppo di carcerati di Nuoro, su suggerimento del cappellano, ognuno di loro si impegna ad adottare a distanza, una mamma e il suo rispettivo bambino.

Ogni anno, i progetti avviati sono tra i 400 e i 500, per ognuno c’è una Gemma che nasce; il progetto Gemma nel 2019 ha compiuto 25 anni, ed i responsabili di questa realtà, hanno seguito in tutti questi anni 24 mila casi.

I primi bambini nati grazie all’adozione prenatale, sviluppata in seno al Movimento per la vita attraverso la Fondazione Vita Nova, sono ormai più che maggiorenni. Grazie all’aiuto e il sostegno che sono riusciti a dare a queste mamme, quest’ultime hanno abbandonato l’idea di rinunciare alla nascita dei propri figli.

Ma ecco come funziona nel concreto il “Progetto Gemma”: come abbiamo detto sopra, un gruppo di persone, famiglie e coppie, si impegna a sostenere una mamma per sei mesi prima della nascita del bambino e un anno dopo, versando 160 euro al mese, per un totale di 2.880 euro.

L’ufficio del Progetto Gemma si trova a Milano, nei locali della parrocchia di Ognissanti. L’ufficio raccoglie tutte le segnalazioni provenienti dai 331 Centri di tutta Italia. Ad esempio c’è una mamma che vuole abortire? O un’altra mamma che non riesce a mantenere il quarto figlio? Il Cav propone alla donna un aiuto economico e Progetto Gemma crea l’abbinamento – proprio come avviene in un’adozione – con il donatore. I sostenitori in questo caso, ricevono informazioni sul neonato e seguono la sua crescita.

Leggi di più:  Scandalo Val d’Enza: dimmi come tratti i bambini e ti dirò che società sei...

Silvio Ghielmi, fu uno degli ispiratori del progetto Gemma, insieme a Mario Paolo Rocchi, oggi ha 93 anni, ad Avvenire ha raccontato com’è nato questo progetto: I primi «attivisti » del Movimento per la vita decisero di creare una fondazione per sostenere i Centri di aiuto alla vita che già esistevano nella penisola. I Cav sapevano che la disperazione della future mamme che bussavano alle loro porte era dettata soprattutto da ragioni economiche. «Si capì che Progetto Gemma – ricorda Ghielmi – poteva fare la differenza in quel momento spaventoso della decisione tra il sì e il no ad accogliere un bambino». È ancora così, da allora: «Progetto Gemma non è una semplice offerta di denaro, non è carità, ma è la possibilità che una vita possa germogliare».

(www.fondazionevitanova.it)

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna