Covid 19 – profezia e fine dei tempi, domande e risposte con il dottor Jeremiah

Foto di Miroslava Chrienova da Pixabay

Nel mese di aprile, un giocatore di football professionista della congregazione della Shadow Mountain Community Church del Dr. David Jeremiah ha chiesto informazioni sul significato della crisi del Coronavirus (COVID-19) alla luce delle profezie bibliche sulla Fine dei Tempi. In risposta, il dottor David Jeremiah ha scritto due sermoni hanno avuto 2 milioni di visualizzazioni sul web e 4.000 condivisioni.

Il sito The Christian Post ha parlato con il Dr. David Jeremiah  per discutere l’impatto del COVID-19 sulla sua vita, sulla Chiesa e sulle persone in tutto il mondo.

Riportiamo la conversazione che il medico ha avuto con questa testata giornalistica inglese.

Come possiamo approfondire la preghiera – forse più di quanto siamo mai andati prima – in questo periodo?

La preghiera dovrebbe essere la prima cosa. Ho ricevuto una chiamata da mia figlia ieri sera tardi. Si sentiva un po ‘isolata e spaventata, e le ho ricordato che Dio è sempre con noi. Non dobbiamo andare da nessuna parte. Dio è a un soffio, e le ho detto che quando mi sento smarrito, percepisco la voce di Dio nel mio cuore . E quando preghi, ne diventi così consapevole. Diventi consapevole della presenza di Dio nella tua vita e del fatto che non ci sono sorprese per Dio. Non è rimasto sorpreso da tutto questo.

Raccontaci alcuni principi che possiamo usare per calmare le nostre menti mentre affrontiamo l’isolamento e ascoltiamo notizie su ciò che accade intorno a noi.

Dovremmo aprire la nostra Bibbia invece di accendere la televisione, perché è quello che ci aiuterà più di ogni altra cosa. C’è così tanto nella Parola di Dio per confortare i nostri cuori e rafforzarci.

E vi do solo una piccola chicca che ho condiviso l’altra sera: La Bibbia dice che “nel mondo avrete tribolazioni ma siate di buon animo; io ho vinto il mondo”. Dio non ha detto: “Nel mondo avrete tribolazione ma io ho vinto la tribolazione”. No, ha detto, “nel mondo avrete tribolazioni, ma siate di buon animo perché ho vinto il mondo”. Dio non si limita a vincere l’evento, vince l’ambiente in cui si verifica l’evento. Quindi Dio non è solo responsabile di quello che sta succedendo; è responsabile di tutto. È ancora sul trono, e guarderemo indietro a questo e vedremo che, nonostante tutte le difficoltà che questo ha creato per tutti, Dio ha dato gloria al suo nome.

Puoi darci alcuni principi e tecniche tratti dalle Scritture su cui possiamo concentrarci quando ci sentiamo veramente ansiosi?

Leggi di più:  Il dilagare della Cristiano-fobia

Ebbene, nel libro di Filippesi si dice: “Non siate ansiosi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere a Dio le vostre richieste con la preghiera e la supplica”. Non essere ansioso di nulla, ma sii devoto in ogni cosa. Quello che Paolo stava dicendo è che se vuoi essere ansioso, puoi avere ansia, ma non devi essere ansioso per nulla, ma devi sostituire l’agitazione con la preghiera. Non essere ansioso di nulla, ma sii orante in ogni cosa.

Ci sono due cerchi. Uno è l’ansia: non vuoi essere lì dentro. Se sei nel cerchio della preghiera, non sarai nel cerchio dell’ansia. Ma così spesso ciò che accade è che lasciamo che la nostra ansia impazzisca con noi e oggi lo vedo solo parlando con alcune persone. Stanno solo dicendo “ma cosa succede se e cosa se” e prima che tu te ne accorga hanno tirato fuori questa cosa e io voglio solo dire loro: “Questa non è la fine del mondo”. Quindi fai un passo indietro, fai un respiro profondo, entra nella Parola di Dio e ricordati che Dio ha il controllo di tutto.

Cosa significa COVID-19 nel contesto delle profezie bibliche e degli eventi della Fine dei Tempi?

La vera risposta che devo dare è che non c’è una vera ragione per provare che lo sia e non c’è una vera ragione per provare che non lo sia, ed è per questo motivo: i segni nella Bibbia non sono per il Rapimento, che è il prossimo evento che accadrà per i credenti, ma i segni sono per la seconda venuta di Cristo, che è tra almeno sette anni, perché la seconda venuta di Cristo è alla fine del periodo di tribolazione di sette anni.

L’inizio del periodo di tribolazione è il Rapimento, quando Cristo viene per la sua Chiesa. La fine è il Secondo Avvento quando torna su questa terra per istituire il suo Regno. La cosa interessante nella Bibbia è che non ci sono segni per il Rapimento. The Rapture è un evento senza segno; viene definito “imminente”, il che significa che può accadere in qualsiasi momento. Quindi non c’è modo di dire che il coronavirus è un segno per il rapimento, perché il rapimento non ha alcun segno. Potrebbe essere un segno per il Secondo Avvento? Ebbene, se lo è, ha una coda di sette anni, perché il Secondo Avvento non arriverà fino a sette anni dopo la tribolazione.

Quindi forse questo è un avvertimento preliminare di ciò che la Bibbia chiama in Matteo 24 una pestilenza. Ecco cos’è questo; è una pestilenza, ed è una piaga, secondo la Bibbia. Ma è un segno che Gesù verrà adesso? No non lo è. A mio avviso, non è un segno per la venuta di Gesù ora. E se è un segno per Gesù che viene al Secondo Avvento, ci sono ancora sette anni prima che ciò accada.

Quello che penso sia più di ogni altra cosa è che non è un segno per il futuro ma un segno per l’oggi, che ci ricorda alcune cose di cui dobbiamo essere consapevoli: la nostra vulnerabilità. Una delle cose a cui ho pensato, che è stata davvero eccitante per me, è che questo evento dimostra che la Bibbia e le cose nella Bibbia sono vere. Puoi leggere quelle cose e dire: “Come può accadere una piaga mondiale?” Bene, ne abbiamo appena sperimentata una, quindi la Bibbia non è fuori campo come molti dicono che lo sia. Descrive le cose che succederanno in futuro; alcune di queste cose stanno accadendo ora.

Dacci un po ‘di aiuto su come avere speranza riguardo alla fine dei tempi e l’aspettativa che saremo di nuovo con Cristo.

Ecco cosa ho detto al mio amico nel campionato di calcio professionistico: “Ecco l’accordo, se accetti Gesù Cristo come tuo Salvatore” – cosa che ha – “nessuna di queste cose dovrebbe preoccuparti perché la Bibbia dice che quando il tempo è pronto per la fine dei tempi, il Signore Gesù Cristo tornerà dal cielo e porterà in cielo tutti coloro che hanno riposto la loro fiducia in Lui. Non importa chi siano, dove vivano o qualunque religione possano essere stati parte di, se conoscono Cristo personalmente, verrà a riceverli in paradiso. E poi tutte queste cose terribili di cui le persone hanno paura scoppieranno qui su questa terra.

 Quindi ho paura di questi eventi? No, davvero no, perché non appartengono al mondo in cui vivo. Vivo nel mondo del Rapimento e del ritorno di Cristo. Quelle cose sono avvertimenti per tutti noi, sono un campanello d’allarme e credo che dovremmo prenderle sul serio.