Decine di parlamentari esprimono preoccupazioni sulla legalizzazione del suicidio assistito

Foto di Ronile da Pixabay

Mentre i gruppi pro-suicidio assistito fanno pressioni per un cambiamento della legge sul suicidio assistito, 70 parlamentari   hanno epresso le loro preoccupazioni per quando riguarda “le categorie di coloro che sono a favore del suicidio assistito e dell’eutanasia” in altri paesi che hanno legalizzato il suicidio assistito e la legalizzazione del suicidio assistito farà sì che “coloro che sono anziani, malati o disabili si sentano costretti a porre fine alla propria vita”.

Il mese scorso, 70 parlamentari hanno firmato la lettera aperta  di fronte alle rinnovate richieste di modifica della legge sul suicidio assistito nel Regno Unito da parte del All-Party Parliamentary Humanist Group (APPHG).

L’APPHG ha richiesto un’indagine sull’opportunità di modificare la legge che consente ai professionisti medici di fornire o somministrare farmaci letali ai pazienti che desiderano porre fine alla propria vita e che soddisfano determinate condizioni.

La lettera aperta sollecita il Lord Cancelliere a respingere questa richiesta di inchiesta rilevando che lo scopo di tale inchiesta è proprio quello di contribuire a  cambiare la legge. Tuttavia, la lettera  sostiene  che un tale cambiamento non dovrebbe essere preso in considerazione. Dice anche che non c’è bisogno di una nuova inchiesta perché la questione non solo è stata ampiamente indagata  nel 2004 dall’ex Lord Cancelliere, Lord Mackay, ma è stata affrontata dal Parlamento nel 2015 con una maggioranza di 330-118 che rifiutava il suicidio assistito.

La legge è stata anche testata in tribunale sia nel 2014 che nel 2019 .

La lettera cita una serie di altre giurisdizioni che hanno legalizzato il suicidio assistito e / o l’eutanasia osservando che in ogni caso, tale legge si applica a un gruppo selezionato, e si espande lentamente per applicarsi ad altri.

Leggi di più:  In Irlanda del Nord, centinaia di operatori sanitari si oppongono all'aborto "in casa"

Nella lettera vi è scritto che : “Il numero dei decessi è in aumento nel tempo in ogni giurisdizione e in quasi tutti i luoghi le categorie di coloro che si qualificano per il suicidio assistito o l’eutanasia sono state ampliate.

“In Oregon, che è il modello dichiarato dagli attivisti per una legge sulla” morte assistita “, i casi di suicidio assistito sono aumentati di quindici volte da quando è stato introdotto nel 1997”.

In Canada, “la legislazione stessa propone una revisione con la possibilità di estendere l’eutanasia ai minori maturi e a quelli con problemi di salute mentale”.

Nei Paesi Bassi, “[vediamo] come le leggi che avrebbero dovuto essere limitate agli adulti malati terminali mentalmente competenti, ora consentono l’eutanasia di adulti non mentalmente competenti; bambini disabili di età inferiore a 12 mesi; adulti disabili; e anche quelli con problemi psichiatrici trattabili come depressione e anoressia.

“Tali leggi per definizione contengono in sé i semi della propria espansione”.

La lettera sottolinea  i pericoli che la legislazione in materia di suicidio assistito e eutanasia crea per coloro che potrebbero non voler morire in primo luogo: “In Oregon oltre il 50% di coloro che vorrebbero porre fine alla propria vita, motivano la scelta per la paura di essere un peso per le loro famiglie e amici”.

Ed infine, nella lettera, si promuove  la necessità di cure palliative efficaci piuttosto che il suicidio assistito e l’eutanasia per alleviare la sofferenza alla fine della vita, rilevando che l’83% dei medici di cure palliative è contrario a rendere legale l’eutanasia.

“Le cure palliative sono una branca della medicina relativamente nuova, ma è quella in cui il Regno Unito – con la sua lunga tradizione di meravigliose cure ospedaliere – è ora il leader mondiale”, afferma.

Leggi di più:  Padre Miguel Segura prega: “Non obbligarmi ad essere Caino”

“Piuttosto che abbandonare questo progresso e ricorrere al pericoloso espediente del suicidio assistito, dovremmo concentrare la nostra attenzione sul garantire che tutti abbiano accesso a cure palliative di alta qualità”.