Gli archeologi hanno scoperto la seconda sinagoga nella città di Maria Maddalena

Dina Avshalom-Gorni, a destra, lavora al sito di scavo di un'antica sinagoga a Migdal.

Gli archeologi dicono che una seconda sinagoga risalente al periodo del Secondo Tempio è stata scoperta in quello che si ritiene sia stato il luogo di nascita di Maria Maddalena della Bibbia e sta “cambiando la nostra comprensione della vita ebraica in questo periodo”.

Mentre scavavano nella città galileiana di Magdala, conosciuta oggi come Migdal, gli archeologi dicono di aver trovato i resti di una seconda sinagoga risalente al periodo del Secondo Tempio – che nella storia è stato un periodo che si ritiene sia durato tra il 515 o il 516 a..C. fino al 70 d.C.

“Questa è la seconda sinagoga del periodo romano che è stata scoperta nel villaggio – e il primo caso dell’esistenza di due sinagoghe in qualsiasi località dal periodo del Secondo Tempio, un periodo in cui il Tempio di Gerusalemme era ancora in piedi”ha condiviso su Facebook l’Autorità israeliana per le antichità.

Il Prof. Adi Erlich, che dirige l’Istituto di Archeologia Zinman presso l’Università di Haifa, e Dina Avshalom-Gorni, che dirige lo scavo del sito per conto dell’Università di Haifa, ritengono che la scoperta “faccia luce sulla vita sociale e religiosa degli ebrei in Galilea durante quel periodo”. Sostengono che la scoperta “indica la necessità di un edificio speciale per studiare e leggere la Torah e gli incontri sociali”.

La prima sinagoga di Migdal è stata scoperta nel 2009 attraverso uno scavo che ha trovato bagni rituali, strade, un mercato e strutture industriali nell’antico villaggio.

La seconda sinagoga è stata scoperta per la prima volta da sonde condotte da Barak Tzin della Israel Antiquities Authority e si trova a meno di 200 metri dalla prima sinagoga. La dichiarazione dell’IAA afferma che la scoperta della seconda sinagoga sta “cambiando la nostra comprensione della vita ebraica in questo periodo”, ha dichiarato l’IAA.

“Possiamo immaginare Maria Maddalena e la sua famiglia venire alla sinagoga qui, insieme ad altri residenti di Migdal, per partecipare a eventi religiosi e comunitari”ha detto il co-direttore degli scavi Avshalom-Gorni al quotidiano israeliano Haaretz.

La scoperta è stata fatta nel mezzo di un piano per costruire nuove infrastrutture nella città di Migdal. Ma mentre le aree venivano scavate – una pratica tipica prima della costruzione – la seconda sinagoga è stata scoperta dalla IAA, dalla Y.G. Contractual e dall’Università di Haifa.

Avshalom-Gorni ha detto al giornale che la prima sinagoga aveva un pavimento decorativo a mosaico e la seconda aveva un pavimento compattato, intonacato e di terra.

Si dice che la seconda sinagoga sia più piccola e non decorata come la prima.

La prima sinagoga era in una zona industriale, mentre la seconda si trovava in una strada residenziale, il che suggerisce che siano state costruite “all’interno del tessuto sociale dell’insediamento”, ha detto Avshalom-Gorni a The Times of Israel.

Il Times of Israel riferisce che la seconda sinagoga consisteva nella sala principale e in due stanze laterali. È stata recuperata anche una panchina di pietra. Gli archeologi hanno trovato basi per due dei sei pilastri dell’edificio che sostenevano il tetto. Le pareti della sinagoga erano decorate con colori vivaci e ricoperte di intonaco. Gli archeologi ritengono che una stanza all’estremità sud della sala principale con uno scaffale possa aver conservato dei rotoli.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here