“Gli islamici ci cacceranno via non appena avranno raggiunto la maggioranza”

foto tv2000

Padre Rebwar Basa, è un giovane sacerdote iracheno del monastero di San Giorgio a Mosul, in occasione del metting di Comunione e Liberazione organizzato a Rimini, ha cercato di spiegare ai giovani cattolici che i musulmani sono una “minaccia” da tenere sott’occhio.

In Iraq e Siria, i cristiani un tempo erano in maggioranza, oggi, sono una minoranza.

Riferisce il sacerdote: “Ogni tanto leggo che i cristiani sarebbero vittime collaterali di un conflitto. No, non è così: sono l’obiettivo principale. C’è una persecuzione che è anche un genocidio, e di questo dobbiamo parlare”. 

Continua – “Non vi fidate di me? Non ci credete? Potete anche approfondire: ci sono mass media, ci sono libri, ci sono altri testimoni. Potrete informarvi. Però qui spesso si ha paura di parlare per non toccare la sensibilità di altre religioni, di non dire questo, non dire quello. E state vedendo grazie a questo atteggiamento come è diventata la situazione dell’Europa, dove siete la maggioranza come cristiani e vivete in allerta. Immaginate cosa si vive da noi in Iraq, dove siamo lo 0,5% della popolazione”.

 

Leggi di più:  Papa Francesco "I cristiani, siano missionari di speranza"