Il governo scozzese anticipa la data di apertura delle chiese

Foto di Andreas Senftleben da Pixabay

Il governo scozzese afferma che consentirà alle chiese di riaprire per il culto comune prima di quanto precedentemente pianificato poiché l’implementazione del vaccino Covid-19 continua a ridurre i numeri dei casi.

 Inghilterra e Galles, alle chiese in Scozia è stato vietato di tenere servizi in chiesa durante l’attuale blocco.

Il mese scorso il governo scozzese ha annunciato una tabella di marcia “cauta” fuori dal blocco che avrebbe visto le chiese riaprire il 5 aprile – lunedì di Pasqua – con numeri limitati a 20. 

Il governo scozzese ha ora rivisto questo per dire che “se i progressi nella soppressione del virus continuano”, consentirà alle chiese di riaprire per il culto comune dal 26 marzo, il che significa che potranno tenere le funzioni pasquali come al solito, quest’anno. 

Anche il numero di partecipazione dei fedeli sarà portato a 50 se lo permetterà la situazione.

La decisione finale sulla data sarà presa il 23 marzo. 

Il primo ministro Nicola Sturgeon ha dichiarato: “Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un calo significativo di nuovi casi, decessi e ricoveri ospedalieri, e il programma di vaccinazione sta progredendo oltre le nostre aspettative iniziali. Tutto questo è un’ottima notizia e fornisce forti motivi di speranza ma questa speranza deve essere bilanciata anche dalla cautela.”

“I cambiamenti annunciati oggi, sebbene modesti, sono importanti e sono progettati per aiutare la salute e il benessere delle persone consentendo l’esercizio di gruppo e consentendo una maggiore interazione sociale. Consentiranno inoltre ai bambini di vedere gli amici, di fare esercizio e giocare normalmente .

Con i continui progressi, crediamo che la riapertura dei luoghi di culto possa essere raggiunta in modo relativamente sicuro e, si spera, consentirà a più persone di trarre forza, conforto e ispirazione dagli atti di culto collettivo”. 

Ha aggiunto che ulteriori “modifiche più sostanziali” sarebbero possibili nelle prossime settimane, con maggiori dettagli che saranno presentati in Parlamento la prossima settimana. 

“Se i dati ci consentono di allentare le restrizioni più rapidamente di quanto abbiamo indicato in precedenza, non esiteremo a farlo”, ha detto. 

Rt Rev Dr Martin Fair, Moderatore dell’Assemblea Generale della Chiesa di Scozia, ha accolto con fervore la notizia. 

“I cristiani sono persone pasquali, viviamo con speranza in tutte le circostanze e la Chiesa fornirà indicazioni alle congregazioni per aiutarle a garantire che gli edifici vengano riaperti in modo sicuro e responsabile”, ha dichiarato.

“Mentre alcune congregazioni adotteranno un approccio cauto per quanto riguarda la riapertura dei nostri edifici – e altre non avranno i mezzi pratici per farlo – tutti saranno molto contenti di questa notizia e saranno già impazienti di sapere come si festeggerà la Pasqua 2021.

In qualunque cosa faremo, ricorderemo che il Dio che ha risuscitato Gesù dalla tomba ci è stato fedele durante tutto questo ultimo anno”.

Leggi di più:  In Russia è stata vietata l'attività ai Testimoni di Geova: "Sono estremisti!"