Il Parlamento europeo rifiuta di mettere un presepe nella sua sede “perché può essere offensivo”

foto da pixabay

Isabel Benjumea, eurodeputata, che ha ricevuto il rifiuto con la sola risposta che ” il presepe potrebbe essere offensivo” e non è d’accordo perché le radici cristiane dell’Europa non possono essere negate.

La direttiva del Parlamento europeo con sede a Bruxelles ha deciso di non inserire un presepe nelle sue decorazioni natalizie. Isabel Benjumea, eurodeputata, che ha ricevuto il rifiuto con la sola risposta che “potrebbe essere offensivo”, non è d’accordo perché le radici cristiane dell’Europa non possono essere negate. Questo pasticcio è iniziato lo scorso anno, quando l’eurodeputata al suo primo anno di lavoro all’edificio, ha notato che il presepe non era all’interno della decorazione natalizia. Alla domanda sul perché, gli hanno risposto che “il Parlamento europeo non aveva i presepi”.

Voleva essere parte della soluzione al problema e in anticipo ha contattato l’ufficio del Presidente del Parlamento per dare all’edificio un presepe. Mesi dopo, ha ricevuto una risposta: “la decisione non è dipesa dal presidente, ma dai questori (organo responsabile del funzionamento degli spazi e degli edifici del Parlamento). Dice l’eurodeputato: «Qual è la mia sorpresa quando la risposta è che un presepe non si può mettere al Parlamento europeo perché è una mostra a contenuto religioso e perché può essere offensivo.

Il Presepe non è offensivo ma per qualcuno si

È offensivo entrare al Museo del Prado e vedere le meravigliose opere di Fra Angélico, Caravaggio o Velázquez quando espongono l’Annunciazione, l’Adorazione dei Magi o la Natività? È offensivo ricordare agli europei che ciò che si celebra il 25 dicembre è la nascita di Gesù di Nazareth? Questa istituzione non può cadere nella trappola di ritenere offensivo ricordare che a Natale ciò che si festeggia è la nascita del cristianesimo. Questa istituzione non può cadere nella trappola che la sinistra costantemente ci tira, volendosi offendere rivendicando qualcosa di semplice come l’eredità storica dell’Europa.

Leggi di più:  La suora che venne uccisa nel 2000 diventerà beata: Suor Mainetti

L’Europa ha le sue radici nella tradizione cristiana e il progetto europeo si basa sull’umanesimo cristiano, quindi non possiamo permetterci il perdono per aver detto che proveniamo da una tradizione cristiana. È molto indignata per questo atto e sente di essere discriminata in quanto cristiana.

Non è la prima volta che qualcuno tenta di far inserire un presepe nella decorazione del Parlamento. L’eurodeputato ha anche chiesto loro di ricordare i milioni di cittadini europei che sono cristiani e che vorrebbero che il 25 dicembre si possa dire che sia Natale. «Le nascite fanno parte del nostro patrimonio culturale e delle tradizioni di molti stati membri, non solo Italia e Spagna. È curioso che in questa istituzione che commemora qualcosa ogni giorno, sembra che l’unica cosa che si preoccupa di commemorare sia il giorno di Natale.

Gaudium Press di Rita Sberna