Il tribunale tedesco esaminerà l’appello sul divieto di preghiera nelle cliniche abortiste

Foto: Alliance Defending Freedom International)

Una corte d’appello in Germania deve ascoltare una sfida lanciata dal leader di un’iniziativa di preghiera contro il divieto di incontri di preghiera silenziosa vicino a organizzazioni che promuovono l’aborto.

Le restrizioni erano state confermate da un tribunale di grado inferiore circa sei mesi fa.

Mercoledì la Corte d’appello amministrativa (Verwaltungsgerichtshof) di Mannheim ha chiesto che i fatti del caso presentato da Pavica Vojnović, leader del gruppo 40 giorni per la vita  di Pforzheim, siano stabiliti come richiesto dallo stato di diritto, ha affermato la fede basato sul gruppo di difesa legale Alliance Defending Freedom International, che sostiene la sfida.

Nel 2019, al capitolo locale dell’organizzazione globale pro-vita è stato vietato di tenere veglie di preghiera vicino alla Pro Familia  di Pforzheim, l’affiliata tedesca della Federazione internazionale della genitorialità pianificata, un’organizzazione multimiliardaria per l’aborto .

Le veglie di preghiera sono state pacifiche per tutto il tempo, dice il gruppo. “Se monitorato dalla polizia su richiesta della Pro Familia, non sono state riscontrate violazioni di alcuna legge; eppure, la direzione del centro ha chiesto che la veglia fosse spostata a una certa distanza o vietata del tutto”.

40 Days for Life ha contestato il divieto della corte poiché limita il loro diritto alla libertà di religione, riunione e parola, secondo ADF International. Tuttavia, il tribunale tedesco lo ha respinto il 12 maggio, quindi le veglie di preghiera sono rimaste vietate.

Dopo l’annuncio da parte della corte d’appello, un avvocato senior di ADF International, Felix Böllmann, ha affermato che è incoraggiante che “la corte ritenga il merito del caso”.

Leggi di più:  Il valore della preghiera di Padre Lorenzo Montecalvo

“Speriamo che coglierà questa opportunità per sostenere la libertà di espressione, riunione e religione”, ha detto Böllmann . “Nell’archiviare il caso, la corte inferiore non ha affermato queste libertà che sono il fondamento di ogni democrazia libera ed equa. Proibendo anche la preghiera silenziosa vicino a un’organizzazione per l’aborto, le autorità di Pforzheim sono andate oltre ciò che potrebbe essere considerato ragionevole o proporzionato”.

Sebbene non tutti siano d’accordo con le opinioni di Pavica sulla sacralità della vita, “tutti possono sostenere l’importanza dei diritti fondamentali alla libertà di espressione, religione e riunione”, ha aggiunto.

“Ogni vita è preziosa e merita protezione”, ha affermato Pavica Vojnović, che due volte l’anno ha condotto veglie di 40 giorni con circa 20 persone al di fuori della struttura di consulenza pre-aborto per pregare per le donne che considerano l’aborto e per i loro bambini prenatali.

“Sono scioccata dal fatto che ci venga impedito di sostenere le donne vulnerabili e i loro bambini non ancora nati nella preghiera. È scoraggiante sentire che le veglie di preghiera silenziose in un luogo pubblico sono limitate dalle autorità locali. La nostra società deve offrire un sostegno migliore alle madri in situazioni difficili. “

Ha aggiunto che la sua sfida non riguarda solo il suo gruppo. “Si tratta di stabilire se le zone prive di preghiera siano lecite o se sia consentito rappresentare opinioni diverse nella pubblica piazza. Ecco perché continueremo a lottare per questa libertà”.

Anche la questione delle “zone cuscinetto” vicino alle organizzazioni per l’aborto è una preoccupazione negli Stati Uniti.

A gennaio, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto la sfida di un gruppo pro-vita a una zona cuscinetto di 15 piedi  dagli ingressi della clinica per aborti a Pittsburgh, in Pennsylvania.

Leggi di più:  Roma Liverpool, gli ultrà e lo striscione su Alfie Evans

Anche la censura delle organizzazioni pro-vita è in aumento in tutta Europa, dalle zone di parola vietate alle restrizioni alla parola nei campus universitari.