In Nuova Zelanda dopo un aborto spontaneo si hanno 3 giorni di congedo per lutto

Un modo per riconoscere la sofferenza e il dolore e come la Nuova Zelanda anche l’India regala un congedo a chi sperimenta un aborto spontaneo.

Un aborto spontaneo è un vero e proprio lutto che provoca sofferenza e bisogna “rielaborarlo” per poterlo superare. L’aborto non è una malattia ma la perdita di una persona che in qualche modo ha fatto parte di te.

Proprio per tale ragionamento, la Nuova Zelanda è uno dei primi paesi al mondo ad approvare una legge che prevede un congedo retribuito per le lavoratrici che sperimentano un aborto spontaneo. I deputati hanno approvato all’unanimità la misura sul diritto ai tre giorni di congedo per lutto e Ginny Andersen, deputata laburista promotrice della legge, ha precisato che solo l’India prevede sei settimane di congedo dopo un aborto spontaneo.

In Parlamento la deputata Andersen ha dichiarato: “Spero che saremo tra i primi, ma non tra gli ultimi, e che altri Paesi cominceranno a legiferare per un sistema di congedi più umano ed equo, che riconosca le sofferenza e il dolore successivi ad aborti spontanei e morte alla nascita”.

La differenza con il nostro paese italiano è che in Italia, l’aborto prima dei 180 giorni è trattato come una “malattia” mentre dopo il 180° giorno è equiparato al parto per cui viene dato il congedo come quello di maternità.

Articolo precedenteIl jihadismo in Africa
Articolo successivo«Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?»
Rita Sberna (Presidente)è nata nel 1989 a Catania. Nel 2012 ha prestato servizio di volontariato presso una radio sancataldese “Radio Amore”, lì nasce la trasmissione da lei condotta “Testimonianze di Fede”.Continua a condurre “Testimonianze di Fede” per la radio web di Don Roberto Fiscer “Radio Fra le note” con sede a Genova e per Cristiani Today in diretta Live.Nel 2014 ha scritto per il settimanale nazionale “Miracoli” e il mensile “Maria”.Nel 2013 esce il suo primo libro “Medjugorje l’amore di Maria” dedicato alla Regina della Pace e nel 2017 con l’associazione Cristiani Today pubblica il suo secondo libro “Il coraggio di aver Fede”. Inoltre su Cristiani Today scrive vari articoli legati alla cristianità e cura la conduzione web dei programmi Testimonianze di Fede e di Cristiani Today live.