In volo per Roma, il Papa ha parlato di vaccinazione, comunione, aborto, negazione

Diversi giornalisti hanno potuto porre al Papa domande su diversi argomenti al suo ritorno dalla Slovacchia.

Sul volo che lo ha portato a Roma, dopo aver attraversato l’Ungheria e la Slovacchia, papa Francesco ha risposto alle domande di alcuni giornalisti. Riportiamo di seguito alcuni stralci delle loro risposte, pubblicate da Vatican News .

Interrogato da Bohumil Petrik di Deenik Standard sulla divisione provocata dalla vaccinazione tra i cristiani in Slovacchia, il Pontefice ha risposto:

“È un po’ strano, perché l’umanità ha una storia di amicizia con i vaccini: morbillo, polio… forse questa virulenza è dovuta all’incertezza, non solo alla pandemia. Ci sono una varietà di vaccini e anche la reputazione che alcuni siano poco più che acqua distillata, e questo ha creato paura. Altri dicono che è un pericolo, perché dicono che con il vaccino entra il virus. Anche al Collegio Cardinalizio c’erano dei negazionisti e uno di loro, poveretto, è ricoverato con il virus. Ironia della vita. Non riesco a spiegarmelo bene, alcuni dicono che i vaccini non sono stati sufficientemente testati. Va chiarito: in Vaticano tutti sono vaccinati, tranne un piccolo gruppo, che sta studiando come aiutare.”

Sulle differenze con Orban

Daniel Verdú, di El País, ha chiesto al Pontefice alcune divergenze con il primo ministro ungherese Viktor Orban. “Il presidente mi ha spiegato la legge che devono aiutare le giovani coppie a sposarsi, ad avere figli. È interessante notare che è una legge molto simile alla legge francese, ma più migliorata. Lì hanno aggiunto qualcosa, il primo ministro e il viceministro hanno spiegato loro com’era questa legge. A proposito di migrazione, niente. Poi torniamo all’ecologia. La famiglia, nel senso demografico: si vede che ci sono tanti giovani, tanti bambini. Anche in Slovacchia ci sono molte giovani coppie. Ora la sfida è cercare opportunità di lavoro in modo che non vadano a cercarle. Ma questi erano i temi… Il presidente parlava sempre, entrambi i ministri aggiungevano alcuni dati. L’incontro è durato circa 40 minuti” ha spiegato il Pontefice.

Leggi di più:  Angelus: " Il vero senso profondo dell'avere fede è fidarci totalmente di Dio"

Eucaristia, matrimonio tra persone dello stesso sesso

Gerard O’Connell, dall’America, ha chiesto al Papa una frase da lui pronunciata secondo cui l’Eucaristia non è un premio per i virtuosi, ma una medicina e un cibo per i deboli, e gli ha chiesto della polemica in corso negli Stati Uniti sull’accesso alla comunione del presidente Biden.

A questo proposito, il Papa ha detto che una volta celebrava la messa «in una casa di cura, io ero nella stanza e ho detto: chi vuole la comunione? Tutti gli anziani hanno alzato la mano. Una vecchia signora alzò la mano, prese la comunione e disse: “Grazie, sono ebrea”. E io dissi: “Quello che ti ho dato è ebreo anche lui”. La comunione non è un premio per i perfetti – si pensi al giansenismo – la comunione è un dono, un dono, è la presenza di Gesù nella Chiesa e nella comunità. Quindi chi non è in comunità non può fare la comunione, come questa signora ebrea, ma il Signore ha voluto premiarla a mia insaputa. “

Il Pontefice ha poi spiegato che l’aborto, che Biden sostiene, è davvero un omicidio. L’aborto «è più che un problema, è un omicidio, chi abortisce uccide, senza mezzi termini. Ma nel caso di coloro che sono fuori comunione con la Chiesa «sono figli di Dio e hanno bisogno della nostra vicinanza pastorale, perciò il pastore risolve le cose come gli dice lo Spirito».

Sul cosiddetto “matrimonio omosessuale”, ha chiesto Stefano Maria Paci, di Sky Tg 24:

“Il matrimonio è un sacramento, la Chiesa non ha il potere di cambiare i sacramenti come li ha istituiti il ​​Signore. Ci sono leggi che cercano di aiutare le situazioni di molte persone che hanno un diverso orientamento sessuale. È importante che gli Stati abbiano la possibilità di sostenerli civilmente, di dare loro sicurezza ereditaria, sanitaria, ecc., non solo per gli omosessuali, ma per tutte le persone che vogliono essere associate. Ma il matrimonio è matrimonio. Questo non significa condannarli, sono nostri fratelli e sorelle, dobbiamo accompagnarli. “

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna

Leggi di più:  Siete sicuri che accogliere i poveri in una delle chiese più importanti d'Europa, sia sacrilegio?