La lettura della Bibbia aiuta le persone che hanno subìto un trauma

foto da pixabay

La Bible Society ha lanciato un nuovo programma per aiutare le chiese, i gruppi religiosi e i cappellani a sostenere le loro comunità nell’affrontare i traumi. 

La Bible Societyutilizza un programma che consiste nella lettura della Bibbia per aiutare le persone a capire ciò che la Sacra Scrittura ha da dire sul significato della sofferenza e la relzione di Dio con coloro che hanno subìto un trauma.

Comprende cinque sessioni principali con altre otto sessioni opzionali che si svolgono all’interno di piccoli gruppi guidati da volontari formati. 

Il professor Paul Williams, capo dell’esecutivo della Bible Society, ha detto che è stato un momento “significativo” per lanciare l’iniziativa. 

“Stiamo solo iniziando a comprendere il pieno impatto della pandemia di coronavirus sulla nostra società”, ha dichiarato.

“Centinaia di migliaia di persone hanno subito la perdita dei propri cari. Molti altri hanno visto i mezzi di sussistenza devastati dalle ricadute economiche, e altri ancora hanno sofferto l’angoscia mentale di ansia, stress e solitudine a causa dei vari effetti della pandemia sulle loro relazioni e il tessuto sociale.

“Ma questi impatti si sono aggiunti a quelli già in atto e anzi si stanno approfondendo nella nostra società. Viviamo in un mondo di ricchezza, potere e connettività storicamente senza precedenti. È anche un mondo di straordinario dolore, sofferenza e rottura relazionale.

“Mentre le società occidentali come la Gran Bretagna si sono allontanate dalla fede cristiana che le nutriva e dalla Scrittura che ha strutturato le nostre istituzioni pubbliche e le nostre vite private, abbiamo tentato di sostituire la fede e la Scrittura al centro con la ragione, la scienza e il progresso tecnologico. Riponiamo la nostra fede in quelle cose.

“Per quanto siano bravi, ci hanno comunque deluso in modi spettacolari: due guerre mondiali, l’Olocausto, la minaccia di distruzione nucleare, ripetute crisi finanziarie, la crescente e crescente disuguaglianza, una crisi climatica globale e la natura alienante della moderna tecnologia delle comunicazioni. . ” Questo è ciò che Paul Williams ha spiegato.

Il professor Williams ha continuato dicendo che sebbene la Bibbia “non offra una soluzione rapida per queste ferite”, ha molto da dire sulla realtà della sofferenza.

“Al centro della testimonianza biblica della sofferenza c’è la pratica del lamento, un profondo grido del cuore che esprime il dolore che è stato sperimentato nella sua forma più cruda”, ha detto. 

“Ci sono molti oggi che soffrono e chiedono aiuto. Anche se può essere inarticolato, c’è un riconoscimento del loro bisogno di Dio.”

Navigating Trauma (il programma utilizzato da Bible Society) è un’iniziativa che consente alla Chiesa di Gesù Cristo di avvicinarsi a coloro che stanno vivendo una situazione di rottura nella loro vita, di ascoltarli e di camminare al loro fianco mentre esprimono il loro cuore a Dio.”

Leggi di più:  A Milano si cerca un donatore per Alessandro, un anno e mezzo: "gli resta poco"