Non è mai troppo tardi per essere sacerdote: a 71 anni nonno e prete

Giuseppe Mangano ha 71 anni e recentemente ha raccontato la sua storia a Tv2000. E’ stato ordinato sacerdote da poco ed ha affermato: “Il Signore chiama più volte. Io scherzando dico sempre il Signore mi chiamava, mi tirava per i capelli, e io scappavo”.

Da giovane, Giuseppe ha studiato in seminario ma nonostante questo, ha poi sentito la chiamata al matrimonio. Così sposa sua moglie, diventa papà e nonno e poi rimane anche vedovo.

Proprio dopo la morte della moglie, la chiamata al sacerdozio si fa sentire nel cuore di Giuseppe e questa volta, ha deciso di dargli un seguito.

Nel settembre scorso è stato ordinato sacerdote a 71 anni. Profondamente commosso, durante la sua prima Messa ha voluto ricordare l’amore per la moglie.

Alla prima messa di Padre Giuseppe erano presenti: il figlio di Giuseppe, Francesco, sua moglie e i nipoti, la 15enne Francesca e i gemelli di 10 anni Vasco e Giuseppe. Ad accompagnare Giuseppe in questo percorso spirituale è stato l’arcivescovo Matteo Zuppi di Bologna.

“Mia moglie è morta 10 anni fa. Mi aveva incoraggiato per il diaconato, purtroppo è morta prima che diventassi diacono. Mi aveva chiesto, era malata da molto tempo, se morendo potevo diventare anche prete. Ho detto che mi sarei rimesso al discernimento dell’arcivescovo” afferma Giuseppe.

Auguriamo a Padre Giuseppe, sacerdote e nonno, di portare molti frutti nella Chiesa e per la Chiesa.

Leggi di più:  Cardinale Becciu "Le autorità non sono autorizzate ad interrompere la Messa"