Operazione “Fatima a casa”: attesi 3500 militari che impediranno l’accesso ai pellegrini

Foto di LhcCoutinho da Pixabay

L’operazione GNR copre l’intero paese e non soltanto il Santuario di Fatima. Il colonnello Vítor Rodrigues a Renascença, ricorda che “i parcheggi sono chiusi”.

GNR sta già controllando l’accesso a Fatima per garantire che i pellegrini non entrino nel Santuario di Nostra Signora di Fatima. Questo perché quest’anno, a causa della pandemia di Covid-19, le celebrazioni del 12 e 13 maggio si terranno senza la presenza dei fedeli.

“Il nostro primo obiettivo è creare questo anello che ci consenta di controllare, in particolare, tutti i veicoli che accedono alla città di Fatima, in modo da poterli controllare e avere un’idea del motivo del viaggio”, inizia spiegando il colonnello Vítor Rodrigues.

Parlando con Renascença , la persona responsabile delle operazioni GNR afferma che, per ora, la missione di oltre 1.200 militari è di sensibilizzare l’opinione pubblica. Ma l’operazione “Fátima a Casa” avrà un dispositivo esteso, poiché entro il 13 maggio 3.500 guardie saranno in viaggio.

“È un dispositivo che, ovviamente, non è destinato solo a questa missione e a questa operazione, ma ha altre funzioni”, aggiunge, affermando che la missione dei militari è di controllare la circolazione.

“Ovviamente, il nostro impegno per la situazione a Fátima è un impegno nazionale, dal nord e dal sud, perché la tradizione del 13 maggio a Fátima comporta sempre movimenti da tutte le parti, da tutte le parti del paese e oltre. Pertanto, abbiamo un impegno nazionale in quello che è il monitoraggio delle situazioni che potrebbero arrivare a Fatima ”, spiega ulteriormente.

Per ora, dice il colonnello, “tutto è molto silenzioso”.

Venerdì, il Ministro degli Affari Interni ha avvertito che ” le forze di sicurezza prenderanno le misure necessarie ” per impedire ai pellegrini di partecipare alle celebrazioni a Fatima.

Leggi di più:  Per 9 giorni il covid vive su una banconota. La scusa per togliere il cartaceo?

“I pellegrinaggi a piedi lungo la strada per Fatima non possono circolare proprio per il momento che stiamo vivendo”, ha detto Eduardo Cabrita, sconsigliando di fare qualsiasi viaggio nel Santuario di Fatima a causa della pandemia di Covid-19.

Nel frattempo, il governo ha pubblicato un ordine che stabilisce l’assenza fisica di pellegrini nel Santuario .

“Comprendere come rilevante per la comunità cattolica portoghese la celebrazione delle apparizioni di Fatima, il 13 maggio, e tenendo presente che, rispettando i termini stabiliti in questo ordine, la salute pubblica è adeguatamente garantita, è considerata giustificata e proporzionata questa celebrazione, che, secondo i termini già debitamente comunicati dalla diocesi di Leiria-Fátima, quest’anno non avrà la presenza fisica di pellegrini nel santuario ”, si legge nel documento.

Il rettore del Santuario di Fatima ha accolto con favore l’ordine, considerato che si tratta di “una questione di difesa delle parti “.