Paolo VI E quell’annuncio per salvare Aldo Moro

Paolo VI° E quell’annuncio per salvare Aldo Moro

Le grandi amicizie durano in eterno, non c’è muro umano che possa dividere due grandissimi amici che si vogliono veramente bene, e che sono protetti entrambi dalla sublime grazia di Dio.

Poi Gesù compie tutto il resto, ma quando due amici si tengono spiritualmente per mano, nulla potrà mai dividerli neanche la morte fisica terrena.

Accade che a volte nel corso della storia ci siano dei sacerdoti che sono molto amici in gioventù di altri giovani che sono politicamente impegnati.

E tra tutti questi giovani, c’era questo sacerdote d’origini Bresciane, un certo Giovan Battisti Montini, destinato a segnare in positivo la storia della chiesa moderna, che nel suo periodo di vita romana, conobbe un giovanissimo attivista politico, non famoso ma molto credente e praticante in Cristo, e questo giovane rispondeva al nome di Aldo Moro.

Cosa centra il futuro segretario della Democrazia Cristiana con il futuro Papa Paolo VI ?

Erano amici, molto amici, e fu proprio Monsignor Montini nel Suo lungo soggiorno romano a convincere il buon Aldo Moro a dedicarsi alla politica.

E anche se  Aldo Moro non  sentiva nel suo cuore di prendere parte al dialogo politico italiano, Montini gli fece capire che Dio lo stesse veramente chiamando ad una vita politica, e ad un impegno serio per cambiare il destino del Bel paese.

C’ è da dire che entrambi erano molto devoti della Santissima Vergine Maria, una devozione che contraddistinse poi la loro intera esistenza.

Leggi di più:  Russia: ombre ma anche tante luci di un paese sotto i riflettori del mondo