San Giovanni XXIII Enciclica Mater et Magistra 15 Maggio 1961

San Giovanni XXIII Enciclica Mater et Magistra 15 Maggio 1961

E’ una delle Encicliche più famose della storia della chiesa, San Giovanni XXIII mette al centro del Suo scritto i problemi della società dell’epoca.

Il Santo Padre non condannò la società, ma parlò al mondo con amore, come era solito fare.

Il Pontefice prese come esempio di scrittura un’altra importante enciclica sociale del passato, la Rerum Novarum di Papa Leone XIIIe prese come musa ispiratrice la

Quadigesimo anno “ Di Papa Pio Pio XI.

Al tempo di San Giovanni XXIII, ossia nell’Italia del dopo guerra, c’era il grande problema delle aziende agricole e delle loro strutture da rinnovare, ma il grande problema si poneva anche sul fatto delocalizzazione, ossia tante aziende italiane che per lavorare traslocavano nel paesi esteri.

Così facendo logicamente toglievano il lavoro agli italiani, e di conseguenza anche il pane sulla tavolo di milioni di famiglie che si trovavano a terra, finanziariamente e moralmente.

Il Papa non denunciò questo fatto grave dalle righe della Sua Enciclica, ma più che altro segnalò il problema a tutti gli industriali, invitandoli a no lasciare in balia delle onde la Madre Patria, perché è proprio l’Italia che aveva le chiavi in mano della loro vita e delle loro famiglie.

Il Papa puntò molto sul senso di appartenenza alla propria terra, e invitò questi avevano aziende terriere e non solo, a rendersi conto dell’enorme disagio che avrebbero causato a milioni di famiglie italiane.