Papa Leone XIII E quella preghiera esclusa dalla chiesa

Papa Leone XIII° E quella preghiera esclusa dalla chiesa

#Papa #Leone dopo la famosa visione di #San #Michele #Arcangelo che ebbe nella messa mattutina in #Vaticano, scrisse una meravigliosa preghiera di librazione contro

i demoni, invitando calorosamente tutti i sacerdoti i Vescovi, i Cardinali e i futuri Pontefici a recitarla ogni giorno al termine della santa messa, al cospetto dei loro fedeli.

Poi qualcosa di poco chiaro è avvenuto, quella preghiera così potente contro le forze delle tenebre è letteralmente scomparsa, non se trova traccia, solo in Internet.

E’ inspiegabile come sia potuta scomparire così dal nulla, una preghiera così importante scritta da un Papa, quindi dal Vicario di Gesù Cristo sulla terra.

Eppure Papa Leone una traccia di ciò che sarebbe avvenuto, la scrisse proprio 6 mesi prima dell’apparizione di san Michele Arcangelo, nell’Enciclica “ Humanun Genum “, dove il Papa metteva in guardia il mondo dal relativismo dilagante, e dal potere corrotto della morale delle Logge Massoniche.

Ma quella preghiera ancora oggi è troppo importante per tenerla nascosta in qualche cassetto impolverato, di qualche vecchia scrivanie nelle cantine delle nostre chiese.

Questo è un peccato vero e proprio, o peggio ancora è un insulto a Gesù e a San Michele Arcangelo, perché furono loro due a donare questa preghiera di vera liberazione al Papa.

Ora c’è da chiedersi, chi si è permesso nella Chiesa Cattolica di andare contro il volere del Papa e prima ancora contro il volere di Dio ?

Questo purtroppo non ci è dato sapere, ma visto e considerato che san Michele apparve al Vicario di Gesù Cristo in terra, sarebbe cosa davvero gradita a Gesù se oggi negli anni Duemila, i sacerdoti, i Frati, i Monaci, i Vescovi,

i Cardinali, e il Papa in primis, prendessero seriamente in considerazione di ripristinare questa preghiera al termine della santa messa quotidiana, e di farlo senza paura.

Ripeto “ SENZA PAURA “.

Considerando sempre che questa preghiera fu scritta da un Papa molto amato dalla grazia di Dio.

Per cui questo è il mio invito, e lo estendo a tutti i sacerdoti del mondo, Vescovi, Cardinali e al Papa.

Vi prego e vi imploro, Abbiate pietà per il mondo e per la nostra e vostra povera chiesa Cattolica, prendete in mano quella santa preghiera di liberazione e tornate a recitarla, ogni giorno senza esitazione.

E ridonate a Papa Leone XIII° e a Dio, la loro creatura più luminosa, la preghiera di liberazione a San Michele Arcangelo.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here